Da Pasquino a drammaturgo. La parabola letteraria di Cesare Della Porta - Francesco Samarini - Vita e Pensiero - Articolo Vita e Pensiero

Da Pasquino a drammaturgo. La parabola letteraria di Cesare Della Porta

digital Da Pasquino a drammaturgo. La parabola letteraria di Cesare Della Porta
Articolo
rivista AEVUM
fascicolo AEVUM - 2014 - 3
titolo Da Pasquino a drammaturgo. La parabola letteraria di Cesare Della Porta
Autore
Editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 01-2015
issn 0001-9593 (stampa) | 1827-787X (digitale)
Scrivi un commento per questo prodotto
€ 6,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

This article aims at describing the literary career of Cesare Della Porta, starting from a curious episode happened in 1576, when the young author was arrested for writing some anonymous poems (‘‘pasquinate’’) against the Jews. In 1578 Della Porta translated into vernacular the first canto of Jacopo Sannazaro’s De partu Virginis, while in 1580 he looked after an edition, probably the princeps, of Torquato Tasso’s Aminta. Four years later, the writer published a collection of poems about the Rosary (Stanze sopra i quindeci misteri del santissimo Rosario, reprinted in 1595) and a long hagiographic poem concerning the life of Saint Omobono, patron of Cremona (Vita, morte, e miracoli di santo Huomobono, dedicated to the bishop Nicolo` Sfondrati). His last and best known work was the tragedy Delfa, printed in 1587 but written twelve years earlier.
ha scritto:
Voto:
inserito: 30.01.2015 14:10
A cagione della vocazione letteraria di Cesare della Porta, dunque, la professione di notaio del collegio di Cremona venne confinata come mero strumento di sopravvivenza? Gli estremi di rogazione (dal luglio del 1577 al mese di giugno del 1610, circa quarant'anni contenuti in un'unica filza conservata all'Archivio di Stato di Cremona... Lo si confronti con un notaio assai più impegnato come il contemporaneo Orazio Sanmaffeo, proveniente da un'autentica stirpe di professionisti della penna, il quale è riuscito a rogare la stessa mole di atti in soli due anni di attività in Cremona, oppure, lo si confronti con l'altro contemporaneo Virginio Metelli, anch'egli esponente di una dinastia di notai bresciani trapiantati nel cremonese, il quale, nel minuscolo villaggio di Azzanello, ha rogato in un solo anno la stessa quantità di atti rogati da Cesare della Porta in quaranta...) lo gridano a gran voce.
ha scritto:
Voto:
inserito: 30.01.2015 14:08
A cagione della vocazione letteraria di Cesare della Porta, dunque, la professione di notaio del collegio di Cremona venne confinata come mero strumento di sopravvivenza? Gli estremi di rogazione (dal luglio del 1577 al mese di giugno del 1610, circa quarant'anni contenuti in un'unica filza conservata all'Archivio di Stato di Cremona... Lo si confronti con un notaio assai più impegnato come il contemporaneo Orazio Sanmaffeo, proveniente da un'autentica stirpe di professionisti della penna, il quale è riuscito a rogare la stessa mole di atti in soli due anni di attività in Cremona, oppure, lo si confronti con l'altro contemporaneo Virginio Metelli, anch'egli esponente di una dinastia di notai bresciani trapiantati nel cremonese, il quale, nel minuscolo villaggio di Azzanello, ha rogato in un solo anno la stessa quantità di atti rogati da Cesare della Porta in quaranta...) lo gridano a gran voce.

News

02.05.2022
I nostri eventi al Salone del Libro 2022
Dal 19 al 23 maggio saremo al Salone Internazionale del libro di Torino: vi aspettiamo al Pad. 2 stand L69 per tanti eventi e grandi ospiti.
16.05.2022
La convergenza di interessi dietro la strage di Capaci
A trent'anni dalla strage di Capaci, vi proponiamo un estratto dal libro "Mafia. Fare memoria per combatterla" del giudice Antonio Balsamo.
16.05.2022
Charles de Foucauld, il santo del deserto
In occasione della canonizzazione, vi proponiamo due titoli - di Sequeri e d'Ors - per approfondire la figura di Charles de Foucauld.
16.05.2022
Onida: la passione del «ben pensare politicamente»
Per commemorare la memoria di Valerio Onida, recentemente scomparso, pubblichiamo un estratto del dialogo con Enzo Balboni.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Pagine prime
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Scopri le altre Collane