Il tuo browser non supporta JavaScript!

Il Dialogus de oratoribus e il teatro

digital Il Dialogus de oratoribus e il teatro
Articolo
rivista AEVUM ANTIQUUM
fascicolo AEVUM ANTIQUUM - 2004 - 4
titolo Il Dialogus de oratoribus e il teatro
autore
editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 09-2017
issn 1121-8932 (stampa) | 1827-7861 (digitale)
Scrivi un commento per questo prodotto
€ 6,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

Il Dialogus tacitiano, ambientato dall’anno 75 e redatto post 102, dopo aver postao all’inizio il problema de causis corruptae eloquentiae, nel teso dibattito che tutto quanto lo attraversa, sembra spostare il discorso sul ‘contrasto’ fra due generi di comunicazione: l’oratoria forense, difesa con durezza da Marco Apro e la poesia tragica alla quale, dopo i successi riportati come oratore, si è rivolto Curiazio Materno che sceglie come protagonisti personaggi che abitano la tradizione del mito greco e la ‘grande storia’ romana di recentissima memoria: Catone Uticense, Domizio, portatori di un messaggio anticesariano ed antitirannico: il serrato dibattito non determina alcuna divagazione rispetto allo Hauptthema: Materno smaschera nell’acceso modernismo di Apro i segni più gravi e drammatici di un’eloquenza non tanto formalmente ‘decaduta’ quanto politicamente degenerata a strumento guidato dal potere, un tipo di eloquenza che nutre i delatores e li costituisce nella posizione non di uomini liberi e potenti, ma quasi di prepotenti liberti. Sdegnato di questa cinica modernità, Materno non può comunque idealizzare la grande eloquenza degli ultimi decenni della res publica, troppo spesso fautrice di sovversioni e discordie. A contrasto, Materno tesse quasi un elogio dell’attuale quiete di regime, con un tono, però, di ironia che, malgrado alcune superficiali coincidenze, lo mantiene lontanissimo dalle posizioni di Apro. Critico ammirato, ma severo, dell’eloquenza repubblicana, durissimo oppositore di quella ‘moderna’, Apro ha disertato quasi in toto dall’oratoria forense, ha scelto una forma più alta e severa di eloquentia, secondo il recente esempio di Seneca, e da esssa si attende una gloria futura, non di oratore, ma di poeta.

News

12.12.2019
Il sermone di Natale di Stevenson
Il 18 dicembre a Pavia incontro su "Sermone di Natale" di Stevenson per scoprire il lato più umano del 'Narratore di Storie' con Bendelli, Mottola, Grisi.
04.12.2019
Max Picard: il veggente della tecnocrazia
Chi era Max Picard? Ritratto di un intellettuale irregolare che ha previsto i pericoli della società tecnocratica e di una modernità in fuga dal divino.
03.09.2019
Il filosofo della bontà, un Candide 2.0 in carne e ossa
Intervista al filosofo catalano Josep Maria Esquirol che spiega il suo cammino dell'ingenuità e la forza della bontà.
02.09.2019
Gauchet, La fine del dominio maschile
Anteprima del nuovo libro di Marcel Gauchet, "La fine del dominio maschile", un passaggio sulla scomparsa della figura del padre nella società e non solo.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Tutte le Collane