Un’inedita Assunzione pavese. Riflessioni sulle dinamiche di scelta dei soggetti iconografici nel monastero di Santa Maria Teodote nel tardo Quattrocento - Graziella Bozzini - Vita e Pensiero - Articolo Vita e Pensiero

Un’inedita Assunzione pavese. Riflessioni sulle dinamiche di scelta dei soggetti iconografici nel monastero di Santa Maria Teodote nel tardo Quattrocento

digital Un’inedita Assunzione pavese.
Riflessioni sulle dinamiche di scelta dei soggetti iconografici
nel monastero di Santa Maria Teodote nel tardo Quattrocento
Articolo
rivista ARTE LOMBARDA
fascicolo ARTE LOMBARDA - 2021 - 1-2
titolo Un’inedita Assunzione pavese. Riflessioni sulle dinamiche di scelta dei soggetti iconografici nel monastero di Santa Maria Teodote nel tardo Quattrocento
An unpublished Assumption from Pavia. Reflections on the dynamics of choice of iconographic subjects in the female monastery of Santa Maria Teodote in the late 15th century
Autore
Editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 12-2021
doi 10.26350/666112_000078
issn 0004-3443 (stampa) | 2785-1117 (digitale)
Scrivi un commento per questo prodotto
€ 6,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

This article discusses a hitherto unpublished fresco from the Benedictine women’s monastery of Santa Maria Teodote in Pavia. The nunnery, of Lombard origin, was extensively renovated in the last uarter  of the 15th century, as it joined the Cassinese Congregation (Congregation of Santa Giustina in Padua, one of the major 15th century reform movements among Benedictines in Europe). In addition to  other works, including the famous oratory of San Salvatore completely frescoed in the early 16th century, a refectory was built in which an Assumption/Coronation of the Virgin was painted. This latter fresco, which came to light in 2018, shows an iconography that is very similar to paintings created by artists working for the male and female Franciscan Observance in Lombardy. This paper, besides rising the question of the commission of such a fresco, whose location in a refectory is highly atypical, presents comparisons with artistic choices made in other Benedictine women’s monasteries in Pavia and Lombardy during the same period: the nuns of Santa Maria Teodote were probably the commissioners of works characterised by originality and great modernity.

keywords

Pavia; Santa Maria Teodote; Cassinese Congregation; Benedictine women’s monasteries; Iconography, exchange of iconographic models; Assumption of the Virgin.

Biografia dell'autore

bozzini.graziella@gmail.com, graziella.bozzini@fau.de

News

28.06.2022
Lo straordinario valore dell'ordinaria pubblica amministrazione
Aldo Travi, autore di "Pubblica amministrazione: burocrazia o servizio al cittadino?" racconta la complessità di un servizio necessario, se efficiente.
10.05.2022
Abbiamo perso l'anima?
Anteprima del libro di Catherine Ternynck, "La possibilità dell'anima", una profonda riflessione su una parola che è più di un soffio.
28.04.2022
I libri dedicati ad Armida Barelli
Le iniziative editoriali dedicate alla Sorella Maggiore, per ricostruirne il pensiero e la vita in occasione della beatificazione.
11.04.2022
L'icona, finestra dell'Oltre
Intervista a Giuliano Zanchi, autore di "Icone dell'esilio. Immagini vive nell'epoca dell'Arte e della Ragione".

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Pagine prime
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Scopri le altre Collane