Il tuo browser non supporta JavaScript!

Berlusconi’s television, before and after. The 1980s, innovation and conservation

digital Berlusconi’s television, before and after. The 1980s, innovation and conservation
Articolo
rivista COMUNICAZIONI SOCIALI
fascicolo COMUNICAZIONI SOCIALI - 2013 - 1. Moving at different speeds. The commercialization of television systems in Europe and its consequences
titolo Berlusconi’s television, before and after. The 1980s, innovation and conservation
autori
editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 01-2013
issn 03928667 (stampa) | 18277969 (digitale)
Scrivi un commento per questo prodotto
€ 6,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

SUMMARY
During the Eighties, commercial television has been a driver of deep innovation into the Italian media system, mainly thanks to the complex figure of media entrepreneur (and then tycoon) Silvio Berlusconi. However, a closer analysis show how, after a short “rupture phase” necessary to enter a new market and conquer the TV audience, with originality and a strong conflict with PSB, often the new Fininvest commercial channels started to more easily adapt to their competition’s common routines, thus becoming a conservative force using its new power to reinforce the system’s stability. The essay shows, following the case histories of commercial TV news, scheduling and financing, how this dynamics of innovation and conservation have been carefully implemented and defended since the beginning of Silvio Berlusconi’s media activity.

RIASSUNTO
Negli anni Ottanta, la tv commerciale è stata un elemento di profonda innovazione nel sistema dei media italiano, principalmente grazie alla complessa figura dell’imprenditore (e poi media tycoon) Silvio Berlusconi. Una più attenta analisi, però, mostra come, dopo una breve fase “di rottura” necessaria a entrare in un nuovo mercato e a conquistare l’audience televisiva, con elementi di originalità e un forte conflitto con il servizio pubblico, spesso i nuovi canali commerciali Fininvest cominciarono ad adattarsi in modo più piano alle routine più comuni dei loro competitor, diventando una forza conservatrice che usa il suo nuovo potere per rafforzare la stabilità del sistema. Il saggio mostra, seguendo i casi di studio dell’informazione televisiva commerciale, della programmazione e delle forme di finanziamento, come questa dinamica di innovazione e conservazione è stata attentamente perseguita e difesa fin dalle prime battute delle attività di Silvio Berlusconi.

Chi ha visto questo prodotto ha guardato anche...


News

12.12.2019
Il sermone di Natale di Stevenson
Il 18 dicembre a Pavia incontro su "Sermone di Natale" di Stevenson per scoprire il lato più umano del 'Narratore di Storie' con Bendelli, Mottola, Grisi.
04.12.2019
Max Picard: il veggente della tecnocrazia
Chi era Max Picard? Ritratto di un intellettuale irregolare che ha previsto i pericoli della società tecnocratica e di una modernità in fuga dal divino.
03.09.2019
Il filosofo della bontà, un Candide 2.0 in carne e ossa
Intervista al filosofo catalano Josep Maria Esquirol che spiega il suo cammino dell'ingenuità e la forza della bontà.
02.09.2019
Gauchet, La fine del dominio maschile
Anteprima del nuovo libro di Marcel Gauchet, "La fine del dominio maschile", un passaggio sulla scomparsa della figura del padre nella società e non solo.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Tutte le Collane