Per il bene della Chiesa. Una lettura pastorale del motu proprio «Summorum pontificum» - Luca Bressan - Vita e Pensiero - Articolo Vita e Pensiero

Per il bene della Chiesa. Una lettura pastorale del motu proprio «Summorum pontificum»

digital Per il bene della Chiesa. Una lettura pastorale del motu proprio «Summorum pontificum»
Articolo
rivista LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO
fascicolo LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2007 - 10
titolo Per il bene della Chiesa. Una lettura pastorale del motu proprio «Summorum pontificum»
autore
editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 10-2007
issn 666666RIVISTACLERO (stampa)
Scrivi un commento per questo prodotto
€ 4,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

«La nostra bocca vi ha parlato francamente, Corinzi, e il nostro cuore si è tutto aperto per voi. Non siete davvero allo stretto in noi; è nei vostri cuori invece che siete allo stretto […] Rendeteci il contraccambio, aprite anche voi il vostro cuore!» (2Cor 6, 11-13). A queste parole accalorate di Paolo, poste quasi a conclusione della lettera che accompagna la promulgazione del motu proprio «Summorum pontificum», il papa affida l’intenzione del suo gesto: sciogliere, con un atto ‘esagerato’ di amore, una situazione (lo scisma aperto con i seguaci di mons. Lefebvre) così indurita da sembrare ormai bloccata. E come le parole di Paolo, che pur cariche di affetto suonano anche come un velato giudizio e un rimprovero, così anche il gesto di Benedetto XVI è carico di un’emozione che lo rende pieno di sfaccettature, di prospettive di lettura e di punti di interpretazione. Il clima vivace e movimentato che sta accompagnando la sua recezione ne è buon testimone. La Rivista ha ritenuto suo compito entrare in questo clima, per fornire ai suoi lettori (molti dei quali impegnati in pastorale e desiderosi di capire, di avere indicazioni per l’azione ecclesiale) strumenti per leggere questo gesto del papa, per inserirlo in modo armonico dentro il cammino delle nostre Chiese, per intuire le prospettive che dischiude e le attenzioni richieste al fine di una sua corretta applicazione, per abitare le domande e le questioni che consegna ancora aperte alla vita delle nostre Chiese. Abbiamo così delineato un percorso che consenta ai nostri lettori, in un primo contributo, di cogliere l’intenzione pastorale che anima il gesto del papa, quel bonum ecclesiae e quel bonum animarum che egli stesso indica come motore e obiettivo di questo suo motu proprio. Un secondo articolo si fa carico di fugare i dubbi (infondati, come il papa stesso riporta nella lettera accompagnatoria) che un simile gesto leda l’autorità del Concilio Vaticano II, il suo essere riferimento e norma per la vita delle nostre Chiese. Un terzo studio si confronta con la questione liturgica che sta al centro, al cuore del motu proprio, per mostrare come il tema della actuosa participatio sia un guadagno maturato dalla Chiesa già nel messale di Giovanni XXIII e sviluppato da quello di Paolo VI, che però attende ancora (almeno in parte) di essere recepito e applicato in modo pieno nella pratica liturgica delle nostre comunità. Un contributo finale infine ci propone una rilettura da un punto di vista spirituale di tutto il cammino che il rinnovamento liturgico ha fatto vivere alla Chiesa in questi decenni, collocando dentro questo cammino il gesto del papa, le sfide che apre, la maturazione che domanda alla Chiesa.

Chi ha visto questo prodotto ha guardato anche...


News

08.06.2021
Festival biblico: dove abita la luce?
Teresa Bartolomei il 20 giugno sarà ospite del Festival biblico di Rovigo per spiegare come la Parola può essere guida per costruire nuove "arche" e forme di convivenza basate su nuovi modelli di vita.
08.06.2021
Torino spiritualità 2021: il desiderio in scena
Tra gli ospiti della manifestazione torinese dedicata al desiderio, il filosofo Silvano Petrosino, con un doppio appuntamento il 19 giugno, e l'economista Alessandra Smerilli.
07.06.2021
Il giudice: uomo vitruviano libero, riservato e al servizio del diritto
Un'anteprima delle pagine del libro "Giustizia" di Giovanni Canzio e Francesca Fiecconi dedicate al modello ideale di giudice.
14.05.2021
La crisi della democrazia internazionale
Breve estratto dal nuovo libro di Ikenberry "Un mondo sicuro per la democrazia" su ascesa e crisi dell'internazionalismo liberale.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Pagine prime
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Scopri le altre Collane

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento