Primo Levi e il sacro, questione da riaprire? - Marco Belpoliti, Alberto Cavaglion, Giovanni Tesio - Vita e Pensiero - Articolo Vita e Pensiero

Primo Levi e il sacro, questione da riaprire?

digital Primo Levi e il sacro, questione da riaprire?
Articolo
rivista VITA E PENSIERO
fascicolo VITA E PENSIERO - 2019 - 3
titolo Primo Levi e il sacro, questione da riaprire?
Autori


Editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 07-2019
issn 0042-725X (stampa) | 2785-1125 (digitale)
Scrivi un commento per questo prodotto
€ 4,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

A cent’anni dalla nascita, recenti studi mettono in dubbio le definizioni ormai logorate dello scrittore: il laico-ebreo o l’agnostico tardo-positivista. Il rapporto con la religione ebraica e con quella cristiana: alcuni critici a confronto.

Biografia degli autori

Marco Belpoliti, saggista e scrittore, ha pubblicato vari libri; tra gli ultimi Primo Levi di fronte e profilo (2015) e La prova (2017), Da quella prigione. Moro, Wahrol e le Brigate rosse (2018). Ha curato di recente i tre volumi dell’Opera completa di Primo Levi (Einaudi, 2016 e 2018). Collabora al quotidiano «la Repubblica» e al settimanale «L’Espresso». È direttore della rivista online «doppiozero». Insegna presso l’Università di Bergamo. Alberto Cavaglion insegna Storia dell’ebraismo all’università di Firenze. Tra le sue ultime pubblicazioni si segnala: La Resistenza spiegata a mia figlia (2005); l’edizione commentata di Se questo è un uomo (2012); Verso la Terra promessa. Scrittori italiani a Gerusalemme da Matilde Serao a Pier Paolo Pasolini (2016). Con Paola Valabrega è autore della Nona Lezione Primo Levi, «Fioca e un po’ profana». La voce del sacro in P. Levi (2018). Giovanni Tesio è stato ordinario di Letteratura italiana presso l’Università del Piemonte Orientale «A. Avogadro». Ha pubblicato saggi, monografie, antologie, edizioni; con Primo Levi una conversazione, Io che vi parlo (2016), e su di lui il volume Primo Levi. Ancora qualcosa da dire (2018). Collabora come critico letterario a «La Stampa» e in particolare al supplemento «Tuttolibri». Alessandro Zaccuri è giornalista del quotidiano «Avvenire», per il quale scrive prevalentemente di letteratura e cultura. Tra i suoi libri più recenti il saggio Come non letto (2017), la novella Il cristiano errante (2018), il profilo  dell’artista Alexander Calder (2019) e il racconto autobiografico Nel nome (2019).


News

20.10.2021
Dante in conclave in Università Cattolica
Mercoledì 3 novembre alle ore 17.00 presentazione del libro di Gian Luca Potestà "Dante in conclave. La Lettera ai cardinali".
05.10.2021
Voci dalle periferie per una nuova Milano
Come ripartire dalle periferie? Ne abbiamo parlato insieme a Marisa Musaio, curatrice del recente volume "Ripartire dalla città".
06.10.2021
La metafisica diventa piccola e illumina l’umano
Intervista a Silvano Petrosino, il filosofo autore di "Piccola metafisica della luce. Una teoria dello sguardo".
05.10.2021
Maryanne Wolf a Milano
Maryanne Wolf torna a Milano il 25 ottobre in occasione dei cento anni dell'Università Cattolica.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Pagine prime
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Scopri le altre Collane

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento