Il tuo browser non supporta JavaScript!

Povertà vecchie e nuove e Diritto del lavoro

digital Povertà vecchie e nuove e Diritto del lavoro
Articolo
rivista JUS
fascicolo JUS - 2006 - 1
titolo Povertà vecchie e nuove e Diritto del lavoro
autore
editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 01-2006
issn 00226955 (stampa)
Scrivi un commento per questo prodotto
€ 6,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

This paper, discussed during the annual congress of Italian catholic lawyers, concerns poverty according to general perspectives of labour law. In Italian constitutional law principles of minimum wage and trade unions’ freedom are basic; these rules represent the most important instrument to prevent employees’ poverty. Recent pension reform (Dini-Treu law) stressed the link between welfare state and pension system, adopting «contributory method», i.d. pensions are linked to contributions effectively payed (non to last wage, as it was before). People without pension have right to social benefits, which are a measure against poverty. Labour law ensures benefits in case of unemployment, but only for people who have lost their job, not for people who are looking for the first job (i.e. «unemployed»). Now, because irregular economics and flexible work, poverty gets into labour law. Nevertheless strategy for social inclusion overcomes labour law. It concerns all the principal basic themes of welfare state reform. Regions have a preminent role. In Europe the struggle against social exclusion is complementary to the strategy for employment. Besides it adopts the same method of open coordination.

News

17.01.2020
Parole per la città: a Genova idee e libri
Giovedì 30 gennaio al Palazzo Ducale di Genova incontro con il giurista Gabrio Forti sul tema della giustizia a partire da "La cura delle norme".
13.01.2020
Addio al filosofo Roger Scruton
Il 12 gennaio Roger Scruton è morto, per una malattia, all'età di 75 anni. Il suo pensiero nei libri che ci lascia.
10.01.2020
Intervista impossibile a Stevenson
Un piccolo e serio divertissement: un’intervista impossibile allo scrittore scozzese per raccontare la sua raccolta di scritti più intima e umana.
04.12.2019
Max Picard: il veggente della tecnocrazia
Chi era Max Picard? Ritratto di un intellettuale irregolare che ha previsto i pericoli della società tecnocratica e di una modernità in fuga dal divino.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Pagine prime
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Scopri le altre Collane