Il tuo browser non supporta JavaScript!

Politica e spazi urbani. Il manifesto nella campagna elettorale del 2008

Gratis
digital
Politica e spazi urbani. Il manifesto nella campagna elettorale del 2008
Articolo
rivista COMUNICAZIONI SOCIALI
sezione Open Access
titolo Politica e spazi urbani. Il manifesto nella campagna elettorale del 2008
autori

editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 12-2009
issn 03928667 (stampa) | 18277969 (digitale)
Scrivi un commento per questo prodotto
Promozione valida fino al 02/12/2023
Scarica

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

C’è un momento, nel lento scorrere delle città e dei paesi di provincia, così come in quello frenetico e disseminato della metropoli, in cui lo spazio urbano assume i connotati di un grande palcoscenico adibito alla messa in scena di un particolare tipo di rappresentazione. È il momento elettorale, quello in cui la politica, elevata a piena identificazione con la sua manifestazione democratica più alta, ossia il voto, entra in contatto diretto con la città, sia nella forma del comizio nelle piazze che in quella del manifesto elettorale. In questi frangenti, e con particolare riferimento al secondo caso, le superfici esteriori, mobili o fisse, messe a disposizione dalle aree urbane, diventano luoghi deputati alla competizione politica, vere e proprie arene in cui si depositano e prendono forma il confronto tra i partiti e i rispettivi tentativi di legittimazione, negoziazione, riproduzione di contenuti e universi simbolici. Il periodo che precede un’elezione, di qualsiasi tipologia essa sia, si contraddistingue, quindi, per l’utilizzo di uno strumento comunicativo supplementare a quelli (i media vecchi e nuovi) che accompagnano e rappresentano la battaglia politica in momenti lontani dal suffragio. L’occupazione simbolica dello spazio pubblico effettuata in occasione della campagna elettorale rimanda a un’esigenza, che è propria della pubblicità, oltre che della comunicazione politica, di semplificare attorno a un selezionato nucleo di concetti e tematiche un complesso universo di valori, identità, credenze ideologiche e, finanche, appartenenze subculturali. Nei manifesti della campagna elettorale italiana per le politiche dell’aprile 2008, di cui in questo lavoro abbiamo analizzato alcuni esempi, il ruolo di chiarificatori e rivelatori del profondo sistema valoriale di riferimento è stato particolarmente palese, soprattutto in considerazione dei rilevanti mutamenti di denominazioni, simboli, alleanze che hanno interessato la maggior parte dei partiti italiani. L’approccio socio-semiotico, attento alla dimensione sintattica dei testi e ispirato alla distinzione di Landowski tra due modelli paradigmatici di intersoggettività, quello del “contratto” e quello dell’“acquisto”, ci ha permesso di leggere le scelte espressive dei partiti come segnali, non esaustivi ma certamente significativi, delle più ampie dinamiche di rappresentanza e rappresentazione immanenti all’agire e al comunicare politico. L’analisi ha evidenziato come le scelte di posizionamento fatte dai partiti nell’ultima campagna elettorale siano state dettate primariamente dall’esigenza di ridefinirsi rispetto ai valori e alle ideologie tradizionali di riferimento. In particolare, per quelle forze presentatesi agli elettori sulla base di universi simbolici consolidati nel tempo, la modalità del “contratto” ha prevalso come forma di capitalizzazione di un’adesione fiduciaria già conquistata; per i soggetti politici di nuova composizione, la logica del “contratto” si è invece combinata con quella dell’“acquisto”, facendo leva tanto sulla delega fiduciaria quanto sull’enunciazione puntuale di valori-prodotto da conquistare.

Chi ha visto questo prodotto ha guardato anche...


News

12.12.2019
Il sermone di Natale di Stevenson
Il 18 dicembre a Pavia incontro su "Sermone di Natale" di Stevenson per scoprire il lato più umano del 'Narratore di Storie' con Bendelli, Mottola, Grisi.
04.12.2019
Max Picard: il veggente della tecnocrazia
Chi era Max Picard? Ritratto di un intellettuale irregolare che ha previsto i pericoli della società tecnocratica e di una modernità in fuga dal divino.
03.09.2019
Il filosofo della bontà, un Candide 2.0 in carne e ossa
Intervista al filosofo catalano Josep Maria Esquirol che spiega il suo cammino dell'ingenuità e la forza della bontà.
02.09.2019
Gauchet, La fine del dominio maschile
Anteprima del nuovo libro di Marcel Gauchet, "La fine del dominio maschile", un passaggio sulla scomparsa della figura del padre nella società e non solo.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Tutte le Collane