Un «onorevole esilio». L’atteggiamento dei vescovi piemontesi dell’arcidiocesi di Arborea nel XVIII secolo - Paolo Cozzo - Vita e Pensiero - Articolo Vita e Pensiero

Un «onorevole esilio». L’atteggiamento dei vescovi piemontesi dell’arcidiocesi di Arborea nel XVIII secolo

digital Un «onorevole esilio». L’atteggiamento dei vescovi piemontesi dell’arcidiocesi di Arborea nel XVIII secolo
Articolo
rivista RIVISTA DI STORIA DELLA CHIESA IN ITALIA
fascicolo RIVISTA DI STORIA DELLA CHIESA IN ITALIA - 2011 - 2
titolo Un «onorevole esilio». L’atteggiamento dei vescovi piemontesi dell’arcidiocesi di Arborea nel XVIII secolo
Autore
Editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 02-2011
issn 0035-6557 (stampa) | 1827-790X (digitale)
Scrivi un commento per questo prodotto
€ 6,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

Nel 1720, quando assunsero il controllo della Sardegna, i Savoia avviarono una politica di sistematica occupazione dei posti di governo assegnati in gran parte ai loro sudditi di Terraferma. Ciò si verifi cò anche nelle nomine vescovili, attraverso le quali la corte di Torino cercò di consolidare il nuovo ordine venutosi a creare nell’isola. Anche l’arcidiocesi di Oristano seguì questa logica e, a partire dalla metà del XVIII secolo, tutti i suoi arcivescovi furono reclutati nelle fi la del clero subalpino o savoiardo. Dalla maggior parte di questi presuli, nati e cresciuti in ambienti geografi camente e culturalmente assai lontani da quelli nei quali furono inviati a svolgere l’uffi cio episcopale, la guida della Chiesa di Oristano venne vissuta come un “esilio”, sia pur “onorevole”, loro imposto dalla politica sabauda.

In 1720, when the House of Savoy assumed the control of Sardinia, it started a politics of systematic occupation of the places of government that granted most of the charges to their subjects from Piedmont. This also happened with reference to the Episcopal appointments, through which the court of Turin tried to consolidate the new order developed into the island. Also the archdiocese of Oristano followed this logic and, from the half of the XVIII century, all of its archbishops were recruited in the subalpine or Savoyard clergy. The greatest part of these prelates, born and grown in environments geographically and culturally really distant from those in which they had to carry out their Episcopal service, lived the guide of the Church of Oristano as an “exile”, even though “honorable”; an exile that was imposed on them by the Sabaudian politics.

News

20.10.2021
Dante in conclave in Università Cattolica
Mercoledì 3 novembre alle ore 17.00 presentazione del libro di Gian Luca Potestà "Dante in conclave. La Lettera ai cardinali".
05.10.2021
Voci dalle periferie per una nuova Milano
Come ripartire dalle periferie? Ne abbiamo parlato insieme a Marisa Musaio, curatrice del recente volume "Ripartire dalla città".
06.10.2021
La metafisica diventa piccola e illumina l’umano
Intervista a Silvano Petrosino, il filosofo autore di "Piccola metafisica della luce. Una teoria dello sguardo".
05.10.2021
Maryanne Wolf a Milano
Maryanne Wolf torna a Milano il 25 ottobre in occasione dei cento anni dell'Università Cattolica.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Pagine prime
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Scopri le altre Collane

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento