Il tuo browser non supporta JavaScript!

Divertirsi da morire: la rappresentazione mediale di Internet sulla stampa italiana (2007-2008)

digital Divertirsi da morire: la rappresentazione mediale di Internet sulla stampa italiana (2007-2008)
Articolo
rivista COMUNICAZIONI SOCIALI
fascicolo COMUNICAZIONI SOCIALI - 2008 - 3. Il dito e la luna. Rappresentazioni mediali e costruzione sociale della realtà
titolo Divertirsi da morire: la rappresentazione mediale di Internet sulla stampa italiana (2007-2008)
autori
editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 03-2008
issn 03928667 (stampa) | 18277969 (digitale)
Scrivi un commento per questo prodotto
€ 6,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

The investigation here proposed takes into examination the «Corriere della Sera» and the daily paper free press «Metro» for a three-months’ period. The times when Internet was a new technology, to be explained, are over. The question now is, what are today in Italy the social discourses on the net. The representation of Internet appears today pulverized in the routine discourses of the media, on one side given for granted inside the more general talks on the media system, on the other side keeping a dimension of ‘novelty’ that guarantees the its being part of the news. The central knots around which the discourses on the net are condensed are: 1) Internet as a tecno-economic element, 2) as a dangerous place, 3) as an arena of fun and diversion. Vice versa, in contrast with the emancipative rhetoric still permeating other social discourses on the net, the debate on themes such as the social share and politics through Internet, the access and the use of the computer resources, the governance of the tool are almost entirely missing.

Chi ha visto questo prodotto ha guardato anche...


News

12.12.2019
Il sermone di Natale di Stevenson
Il 18 dicembre a Pavia incontro su "Sermone di Natale" di Stevenson per scoprire il lato più umano del 'Narratore di Storie' con Bendelli, Mottola, Grisi.
04.12.2019
Max Picard: il veggente della tecnocrazia
Chi era Max Picard? Ritratto di un intellettuale irregolare che ha previsto i pericoli della società tecnocratica e di una modernità in fuga dal divino.
03.09.2019
Il filosofo della bontà, un Candide 2.0 in carne e ossa
Intervista al filosofo catalano Josep Maria Esquirol che spiega il suo cammino dell'ingenuità e la forza della bontà.
02.09.2019
Gauchet, La fine del dominio maschile
Anteprima del nuovo libro di Marcel Gauchet, "La fine del dominio maschile", un passaggio sulla scomparsa della figura del padre nella società e non solo.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Tutte le Collane