Un ciclo datato 996: le pitture del sacello di San Michele presso il monastero dei Santi Nazaro e Celso a Verona - Tiziana Franco - Vita e Pensiero - Articolo Vita e Pensiero

Un ciclo datato 996: le pitture del sacello di San Michele presso il monastero dei Santi Nazaro e Celso a Verona

digital Un ciclo datato 996: le pitture del sacello di San Michele presso il monastero dei Santi Nazaro e Celso a Verona
Articolo
rivista ARTE LOMBARDA
fascicolo ARTE LOMBARDA - 2009 - 2
titolo Un ciclo datato 996: le pitture del sacello di San Michele presso il monastero dei Santi Nazaro e Celso a Verona
Autore
Editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 02-2009
issn 0004-3443 (stampa) | 2785-1117 (digitale)
Scrivi un commento per questo prodotto
€ 6,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

There are very few painting cycles that can be securely dated to around 1000, like the one in San Vincenzo in Galliano. The oldest decorative stratum in the sacellum of San Michele at the church of Santi Nazaro e Celso in Verona is one of these. It was discovered in 1885 – when the twelfth century pictorial decoration that covered it was detached – and enjoyed premature fame because of the painted inscription bearing the date 996, now preserved in very faint traces. Pietro Toesca personally saw the paintings in the sacellum in Verona and cited them in relation to the cycle in Galliano. After the interest aroused at the end of the nineteenth and beginning of the twentieth century, critics did not pay much attention to them because of a very complicated conservation history that led to their detachment, in 1963, and storage of over thirty pieces in the store-rooms of the Civic Museums in Verona. The purpose of this contribution is to draw attention to these dated Veronese paintings, and to reconstruct, as far as possible, their artistic physiognomy and original decorative layout. Together with this cycle, the author rapidly considers other evidence in the Veronese milieu dating to the tenth and eleventh century, like the elegant painted drapery in the sanctuary area of the church of Santo Stefano in Verona and the lost decoration of the sacellum of San Pietro presso Santa Maria in Cisano, on Lake Garda.

News

20.05.2022
Rosina vince il Premio Atlante al Salone del libro
"Crisi demografica. Politiche per un paese che ha smesso di crescere" vince il Premio Atlante della Fondazione del Circolo dei lettori di Torino.
16.05.2022
La convergenza di interessi dietro la strage di Capaci
A trent'anni dalla strage di Capaci, vi proponiamo un estratto dal libro "Mafia. Fare memoria per combatterla" del giudice Antonio Balsamo.
16.05.2022
Charles de Foucauld, il santo del deserto
In occasione della canonizzazione, vi proponiamo due titoli - di Sequeri e d'Ors - per approfondire la figura di Charles de Foucauld.
16.05.2022
Onida: la passione del «ben pensare politicamente»
Per commemorare la memoria di Valerio Onida, recentemente scomparso, pubblichiamo un estratto del dialogo con Enzo Balboni.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Pagine prime
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Scopri le altre Collane