Il tuo browser non supporta JavaScript!

Disoccupazione giovanile, i nodi da sciogliere

digital Disoccupazione giovanile, i nodi da sciogliere
Articolo
rivista VITA E PENSIERO
fascicolo VITA E PENSIERO - 2014 - 4
titolo Disoccupazione giovanile, i nodi da sciogliere
autori

editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 09-2014
issn 0042-725X (stampa)
Scrivi un commento per questo prodotto
€ 4,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

I limiti nelle politiche su lavoro e sviluppo hanno reso l’Italia uno degli Stati europei con la più alta probabilità che un giovane risulti un costo sociale anziché una risorsa. Suggerimenti per evitare il rischio di intrappolamento nella precarietà.

La rapida crescita della disoccupazione in Europa, successivamente alla crisi economica, si è concentrata sui giovani. Soprattutto nei Paesi mediterranei, la disoccupazione giovanile (che interessa chi ha meno di 25 anni) ha toccato punte allarmanti. In Spagna, Grecia, Portogallo e Italia, il tasso di disoccupazione rilevato da Eurostat all’inizio del 2013 era superiore al 40%, con punte del 50% in Spagna e Grecia. In particolare, la probabilità di essere disoccupato per un giovane è doppia, e in alcuni casi persino tripla, rispetto alla media dei lavoratori. Una generazione di giovani, quelli nati tra la fi ne degli anni Ottanta e l’inizio degli anni Novanta, si ritrova a cercare un posto di lavoro in una congiuntura economica così depressa da rendere (quasi) vano ogni tentativo di trovare un’occupazione che offra qualche prospettiva di reddito e stabilità.


News

17.01.2020
Parole per la città: a Genova idee e libri
Giovedì 30 gennaio al Palazzo Ducale di Genova incontro con il giurista Gabrio Forti sul tema della giustizia a partire da "La cura delle norme".
13.01.2020
Addio al filosofo Roger Scruton
Il 12 gennaio Roger Scruton è morto, per una malattia, all'età di 75 anni. Il suo pensiero nei libri che ci lascia.
10.01.2020
Intervista impossibile a Stevenson
Un piccolo e serio divertissement: un’intervista impossibile allo scrittore scozzese per raccontare la sua raccolta di scritti più intima e umana.
04.12.2019
Max Picard: il veggente della tecnocrazia
Chi era Max Picard? Ritratto di un intellettuale irregolare che ha previsto i pericoli della società tecnocratica e di una modernità in fuga dal divino.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Pagine prime
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Scopri le altre Collane