Dalla Sicilia al Nord Europa: la morte in scena al femminile e nel femminile - Anna Barsotti - Vita e Pensiero - Capitolo Vita e Pensiero

Dalla Sicilia al Nord Europa: la morte in scena al femminile e nel femminile

digital Dalla Sicilia al Nord Europa: la morte in scena al femminile e nel femminile
Capitolo
Libro Scena madre
Titolo del capitolo Dalla Sicilia al Nord Europa: la morte in scena al femminile e nel femminile
Autore
Editore Vita e Pensiero
Formato Capitolo
Formato Pdf
Genere Società, media, famiglia, lavoro Media spettacolo e processi culturali
Pubblicazione 2014
Scrivi un commento per questo prodotto
€ 4,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

La morte in scena riemerge nel panorama teatrale del Novecento – e come vedremo anche oltre – sull’onda dei generi misti, che mescolano tragico e comico o gesto, danza, parola, canto; laddove la teoria e la prassi classica antica e quelle neoclassiche francesi l’avevano bandita dai modelli tragici. Per Aristotele, infatti, è preferibile che i sentimenti di paura, terrore e pietà che – come si sa – conducono alla catarsi siano suscitati dall’abilità del racconto (rhèsis), per mezzo del linguaggio (lèxis), piuttosto che dal mezzo più propriamente scenico, la vista (òpsis). Anzi, coloro che, “per mezzo della vista, non producono il pauroso (phoberòn), ma soltanto il mostruoso (teratòdes) non hanno nulla in comune con la tragedia”. Tanto più la prassi diventa norma (sulla scorta dei commentatori della Poetica) nell’età del classicismo francese, e specialmente con Racine: da cui le morti in scena sono considerate scandalose, rompendo l’armonia tragica fondata sul decoro e sul rifiuto degli eccessi; egli personalizza e generalizza la riflessione aristotelica secondo la quale l’ostensione in scena di eventi spaventosi o raccapriccianti sarebbe elemento spurio alla tragedia, che non necessita di sangue e morte ma di una ‘maestosa tristezza’.

Informazioni aggiuntive

È possibile acquistare l’edizione cartacea del volume e gli altri capitoli da questa pagina

News

18.07.2022
Un granello di bontà, speranza del mondo
Contro la tragedia della guerra, i soprusi dei potenti, la cattiveria di molti c'è la speranza della bontà, tra Grossman ed Esquirol.
27.07.2022
Luigino Bruni, l’economista che salva le parole
Luigino Bruni, direttore scientifico di "The Economy of Francesco", l'economista attento alle parole giuste e al bene comune, risponde al nostro Questionario di Proust.
18.07.2022
Le dolci potenti pagine della letteratura
Tolstoj, Dostoevskij e Melville: viaggio nella dolcezza inaspettata raccontata da Anne Dufourmantelle.
03.08.2022
Johnny Dotti, l’entusiasmo di vivere ho incontrato
Ritratto del pedagogista e imprenditore sociale che trasmette entusiasmo e passione per la vita.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Pagine prime
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Scopri le altre Collane