«Stupidità del male» e «intelligenza delle emozioni»: compassione, pensiero e memoria come antidoti al male organizzato - Arianna Visconti - Vita e Pensiero - Capitolo Vita e Pensiero

«Stupidità del male» e «intelligenza delle emozioni»: compassione, pensiero e memoria come antidoti al male organizzato

digital «Stupidità del male» e «intelligenza delle emozioni»:
compassione, pensiero e memoria come antidoti al male
organizzato
Capitolo
Libro Giustizia e Letteratura I
Titolo del capitolo «Stupidità del male» e «intelligenza delle emozioni»: compassione, pensiero e memoria come antidoti al male organizzato
Autore
Editore Vita e Pensiero
Formato Capitolo
Formato Pdf
Pubblicazione 2012
Scrivi un commento per questo prodotto
€ 4,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

Partendo dalla lettura del romanzo La delazione di Roberto Cazzola, ambientato durante l’occupazione tedesca di Torino nel corso della Seconda Guerra Mondiale, il saggio analizza i presupposti delle decisioni morali (quali l’empatia, la compassione, l’immaginazione narrativa, il riconoscimento dell’altro) e quei meccanismi "sistemici" e "situazionali" (nel linguaggio dello psicologo Philip Zimbardo) che possono inibirne o distorcerne l’attivazione. In relazione all’articolato gruppo di fenomeni che, nel linguaggio criminologico, vanno sotto il nome di "crimine organizzativo" (organizational crime), il saggio ricostruisce i principali fattori che, all’interno dei più vari tipi di organizzazione, contribuiscono alla costruzione di un’insensibilità morale degli attori individuali, portando quindi alla commissione di crimini di rilevante gravità le cui cause più profonde non sono da ricercare in peculiarità (o patologie) individuali, quanto piuttosto in fattori organizzativi e sociali. Meccanismi analoghi si rivelano quindi all’opera anche in molti casi di crimini "d’impresa" (corporate crime). È dunque proprio a tali fattori "strutturali" che dovrebbe essere rivolta una maggiore attenzione, sia da parte della magistratura, sia, in particolare, dal legislatore, in un’ottica di prevenzione. Il testo si chiude con alcune brevi considerazioni sul valore della memoria come forma di riparazione del danno prodotto dal crimine e come fondamentale strumento di prevenzione di episodi analoghi.

Biografia dell'autore

Arianna Visconti è ricercatore di Diritto penale alla Facoltà di Giurisprudenza dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.

News

05.10.2022
Scuola di Lettura con Alessandro D’Avenia
Al via l'iniziativa per riaffezionare gli studenti universitari e gli adulti alla lettura.
29.09.2022
Un incontro sull'immigrazione dei minori
Lunedì 10 ottobre, "Costruire il futuro... con i minori stranieri non accompagnati" in Università Cattolica.
28.09.2022
Dimmi cosa mangi e ti dirò chi sei
Intervista a Patrizia Catellani e Valentina Carfora, autrici di "Psicologia sociale dell'alimentazione", per capire meglio le nostre scelte alimentari.
23.09.2022
Silvano Petrosino a Soresina
"La cura dell'ambiente e l'abitare umano": l'appuntamento alla Biblioteca Comunale, domenica 23 ottobre.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Pagine prime
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Scopri le altre Collane

Inserire il codice per attivare il servizio.