Precetto, valore, sanzione: categorie giuridiche ‘sotto processo’ in Melville - Arianna Visconti - Vita e Pensiero - Capitolo Vita e Pensiero

Precetto, valore, sanzione: categorie giuridiche ‘sotto processo’ in Melville

digital Precetto, valore, sanzione: categorie giuridiche ‘sotto processo’
in Melville
Capitolo
Libro Giustizia e letteratura II
Titolo del capitolo Precetto, valore, sanzione: categorie giuridiche ‘sotto processo’ in Melville
Autore
Editore Vita e Pensiero
Formato Capitolo
Formato Pdf
Pubblicazione 2014
Scrivi un commento per questo prodotto
€ 6,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

Il saggio si accosta ad alcune delle più note opere di Herman Melville (prevalentemente Benito Cereno e Billy Budd) da una prospettiva giusletteraria. La prima parte si incentra prevalentemente su Benito Cereno e, attraverso l’analisi del testo letterario, affronta il tema dell’ambiguità intrinseca a ogni costruzione sociale di gerarchie, distribuzioni del potere, forme di esclusione e di stigmatizzazione, e assegnazione di ruoli, dentro e fuori quelle che Goffman ha denominato ‘istituzioni totali’. Si analizza il ruolo del diritto penale come strumento per la riaffermazione di equilibri di potere esistenti, insieme all’importanza di un approccio critico allo studio delle istituzioni sociali e legali esistenti. La seconda parte del lavoro è essenzialmente dedicata a un’analisi di Billy Budd, opera che, attraverso la triade di personaggi composta da Vere, Billy e Claggart, fornisce al lettore una perfetta parabola delle tre componenti che informano il diritto penale, un disequilibrio tra le quali non può che produrre ingiustizia, seppure in modi diversi: il capitano Vere rappresenta la componente formale della legge, il bisogno di regole positivizzate e di un insieme organico e chiaramente definito di prescrizioni e procedure, senza le quali il libero perseguimento degli interessi e valori di ciascun individuo rischia sempre di degenerare in abuso e violenza, ma che a sua volta implica il costante rischio di scivolare in un legalismo vuoto e nell’applicazione acritica di leggi contrarie ai diritti umani fondamentali; Billy Budd, ‘uomo allo stato naturale’, simboleggia la forza del ‘diritto naturale’ e di quei valori e diritti fondamentali che richiedono riconoscimento e protezione incondizionati – anche, se necessario, in sfida a leggi positive ingiuste – ma il cui perseguimento sciolto da qualsiasi limite formale può condurre, a sua volta, alla violenza e all’ingiustizia; Claggart, infine, il maestro d’armi, rappresenta il lato più oscuro del diritto penale, ovvero quella componente di pura forza e potere, nonché di crudeltà, che è intrinsecamente connaturata a questo ramo dell’ordinamento, in particolare nella sua parte sanzionatoria. Proprio come la Legge sull’ammutinamento che Vere decide di applicare a Billy, Claggart impersona tutti i rischi che discendono da una concezione del diritto penale come strumento di ‘guerra’ contro esseri umani ridotti a meri oggetti, a strumenti (‘hands’, nel gergo marinaresco dell’epoca), a nemici (personali o dell’intera società). L’ultima parte del saggio si confronta infine con la natura relazionale propria di ogni regola, e coi pericoli che ogni ordinamento che dimentichi tale dimensione inevitabilmente corre, come pure, al contrario, con le possibili vie per sfruttare e sviluppare il potenziale ‘relazionale’ e ‘riparativo’ pure presente nello stesso diritto penale.

Biografia dell'autore

Arianna Visconti è ricercatore di Diritto penale alla Facoltà di Giurisprudenza dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.

News

18.07.2022
Le visioni di Calvino per un futuro abitabile
Carlo Ossola ci porta a visitare le città invisibili immaginate da Calvino, luoghi fantastici che parlano della nostra realtà.
18.07.2022
Colpi sul muro dell'indifferenza
Un consiglio di lettura che tocca le pagine di Tomáš Halík e Simone Weil.
18.07.2022
Un granello di bontà, speranza del mondo
Contro la tragedia della guerra, i soprusi dei potenti, la cattiveria di molti c'è la speranza della bontà, tra Grossman ed Esquirol.
27.07.2022
Luigino Bruni, l’economista che salva le parole
Luigino Bruni, direttore scientifico di "The Economy of Francesco", l'economista attento alle parole giuste e al bene comune, risponde al nostro Questionario di Proust.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Pagine prime
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Scopri le altre Collane