Streghe, avvelenatrici, assassine: donne a giudizio, tra stereotipi culturali e fallacie cognitive - Arianna Visconti - Vita e Pensiero - Capitolo Vita e Pensiero

Streghe, avvelenatrici, assassine: donne a giudizio, tra stereotipi culturali e fallacie cognitive

digital Streghe, avvelenatrici, assassine: donne a giudizio, tra stereotipi
culturali e fallacie cognitive
Capitolo
Libro Giustizia e letteratura II
Titolo del capitolo Streghe, avvelenatrici, assassine: donne a giudizio, tra stereotipi culturali e fallacie cognitive
Autore
Editore Vita e Pensiero
Formato Capitolo
Formato Pdf
Pubblicazione 2014
Scrivi un commento per questo prodotto
€ 6,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

Attraverso un’analisi delle opere di Susan Glaspell Una giuria di sole donne e di Daphne du Maurier Mia cugina Rachele, lette in parallelo al modello ‘classico’ di detective story rappresentato dai racconti di Sherlock Holmes di Arthur Conan Doyle, il saggio affronta, da una prospettiva giusletteraria, i temi del pregiudizio misogino e della discriminazione di genere e il modo in cui questi possono influenzare l’amministrazione della giustizia. La prima sezione (‘In viaggio senza mappe: Susan Glaspell e il detective cieco’) si incentra sulla prima delle due opere citate e riflette su come i pregiudizi culturali – e in particolare i pregiudizi che colpiscono il genere femminile – possono influenzare un’indagine rendendo gli investigatori (uomini) ciechi rispetto a indizi e prove che risultano, invece, perfettamente visibili e comprensibili nel loro significato alle donne; in relazione a questo tema, vengono affrontati anche i concetti di ‘deduzione’ e ‘abduzione’, in rapporto a quelle fallacie culturali che possono distorcere il ragionamento del ‘detective’. La riflessione si sviluppa poi nella seconda sezione (‘In viaggio con la mappa: Daphne du Maurier e il giudice prevenuto’), dove si esplorano i modi in cui quegli stessi condizionamenti culturali possono condurre a un’affrettata ed erronea individuazione del ‘colpevole’ e perfino a una condanna tanto scorretta quanto ingiusta; viene sottolineata in particolare l’importanza di un approccio ‘dialettico’ alla ricerca e alla valutazione degli elementi di prova nel procedimento penale, così come il rischio, in caso contrario, di incorrere in gravi errori giudiziari. Infine, l’ultima parte del saggio (‘Riscrivere le mappe: quis custodiet ipsos custodes?’) affronta sinteticamente l’interrogativo se ‘privilegi di genere’ possano e debbano essere introdotti in un ordinamento giuridico per controbilanciare pregiudizi patriarcali ancora radicati nella nostra società.

Biografia dell'autore

Arianna Visconti è ricercatore di Diritto penale alla Facoltà di Giurisprudenza dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.

News

18.07.2022
Le visioni di Calvino per un futuro abitabile
Carlo Ossola ci porta a visitare le città invisibili immaginate da Calvino, luoghi fantastici che parlano della nostra realtà.
18.07.2022
Colpi sul muro dell'indifferenza
Un consiglio di lettura che tocca le pagine di Tomáš Halík e Simone Weil.
18.07.2022
Un granello di bontà, speranza del mondo
Contro la tragedia della guerra, i soprusi dei potenti, la cattiveria di molti c'è la speranza della bontà, tra Grossman ed Esquirol.
27.07.2022
Luigino Bruni, l’economista che salva le parole
Luigino Bruni, direttore scientifico di "The Economy of Francesco", l'economista attento alle parole giuste e al bene comune, risponde al nostro Questionario di Proust.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Pagine prime
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Scopri le altre Collane