“Tu cum lacrymis scribe”. Il pianto di Maria e la ‘rivoluzione drammaturgica’ della scena passionista nel Medioevo - Carla Bino - Vita e Pensiero - Capitolo Vita e Pensiero

“Tu cum lacrymis scribe”. Il pianto di Maria e la ‘rivoluzione drammaturgica’ della scena passionista nel Medioevo

digital “Tu cum lacrymis scribe”. Il pianto di Maria e la ‘rivoluzione drammaturgica’ della scena passionista nel Medioevo
Capitolo
Libro Scena madre
Titolo del capitolo “Tu cum lacrymis scribe”. Il pianto di Maria e la ‘rivoluzione drammaturgica’ della scena passionista nel Medioevo
Autore
Editore Vita e Pensiero
Formato Capitolo
Formato Pdf
Genere Religione e spiritualità
Società, media, famiglia, lavoro Media spettacolo e processi culturali
Pubblicazione 2014
Scrivi un commento per questo prodotto
€ 4,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

Quando cerchiamo di immaginare la crocifissione di Cristo, nella nostra mente componiamo una scena con degli attori principali e immancabili. Innanzitutto Gesù, centrale, appeso alla croce, agonizzante o morto. Il suo corpo è pieno di ferite, dalle sue mani e dai suoi piedi inchiodati gronda sangue. Sulla testa la corona di spine. Sopra a lui il cielo che si rabbuia. Ai piedi della croce i soldati e gli aguzzini che urlano, lo insultano, si spartiscono le vesti. Hanno volti incattiviti, dai tratti deturpati: il loro non è più un viso, è un ghigno. Non sono soli. In mezzo a loro, c’è un gruppo di persone strette le une alle altre. Sono gli amici dell’uomo crocefisso; sono quelli che lo amano. E tra loro c’è sua madre. Tutti soffrono. Ma la madre soffre in un modo diverso. Si vede dal corpo e dagli occhi. È un dolore immenso e indicibile il suo, che non fa rumore e che la schianta al suolo, la immobilizza, le toglie il respiro. È un fiume quel dolore, un fiume che esce dagli occhi, goccia a goccia. Ecco: componendo la scena della crocifissione, tratteggiamo relazioni e sensazioni. Al centro della visione mettiamo un uomo nudo, massacrato e sofferente; attorno, le azioni di chi gli ha fatto violenza. Automaticamente, dunque, rappresentiamo atteggiamenti e punti di vista verso un fatto – una spettacolare esecuzione capitale – e li coloriamo affettivamente.

Informazioni aggiuntive

È possibile acquistare l’edizione cartacea del volume e gli altri capitoli da questa pagina

News

18.07.2022
L’autorità che move il sole e le altre stelle
Senza guida anche Dante non avrebbe potuto superare l'Inferno: il consiglio di lettura tratto da Magatti e Martinelli, nell'alleanza tra generazioni.
18.07.2022
«Più vasto del cielo»: il cervello in versi
Il nostro cervello nei versi di Emily Dickinson, raccontati dalla Wolf.
18.07.2022
Sete di abbracci
Ci sono molti modi di provare sete, ma un abbraccio a volte vale quanto un oceano: Tolentino e i racconti di Galeano.
26.07.2022
Valeria Cantoni: il leader si prende cura dell’altro
Ritratto della filosofa dei manager che insegna l'empatia e il lavoro di squadra.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Pagine prime
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Scopri le altre Collane