Il tuo browser non supporta JavaScript!

Pinocchio e la fuga impossibile dal «legno storto dell’umanità»

digital Pinocchio e la fuga impossibile dal «legno storto dell’umanità»
Capitolo
libro Giustizia e letteratura II
titolo del capitolo Pinocchio e la fuga impossibile dal «legno storto dell’umanità»
autore
editore Vita e Pensiero
formato Capitolo
formato Pdf
pubblicazione 2014
Scrivi un commento per questo prodotto
€ 4,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

Le avventure di Pinocchio, famosa opera letteraria di Carlo Collodi, è analizzata da una prospettiva giusletteraria, mettendone in risalto gli aspetti di maggior rilevanza da un punto di vista giuridico. Oltre a contenere accurate descrizioni di numerosi reati e forme di vittimizzazione, il libro può essere letto come un’ampia metafora della relazione che ogni essere umano intrattiene col proprio corpo e più in generale con tutte le limitazioni proprie della condizione umana. Il protagonista del romanzo (appunto un burattino ‘di legno’) è dunque analizzato nella sua costante fuga da questa condizione e nella conseguente negazione di tali limitazioni. Dalla storia del burattino si può trarre l’insegnamento che gli individui dovrebbero imparare ad accettare i limiti intrinseci alla loro natura, così come quelli propri della vita associata e, specularmente, che governi e istituzioni statuali non dovrebbero perseguire politiche e regolamentazioni eccessivamente paternalistiche o ‘perfezionistiche’, che ignorino il connaturato «legno storto dell’umanità»: le leggi dovrebbero, cioè, essere configurate in modo tale da adeguarsi in una certa misura a questa realtà e, in conseguenza, ai rischi sempre impliciti nella libertà.

Biografia dell'autore

Gabrio Forti, professore ordinario di Diritto penale e Criminologia, è preside della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università Cattolica del S.C. di Milano e Direttore del Centro Studi “Federico Stella” sulla Giustizia penale e la Politica criminale della stessa Università.

News

04.12.2019
Max Picard: il veggente della tecnocrazia
Chi era Max Picard? Ritratto di un intellettuale irregolare che ha previsto i pericoli della società tecnocratica e di una modernità in fuga dal divino.
03.09.2019
Il filosofo della bontà, un Candide 2.0 in carne e ossa
Intervista al filosofo catalano Josep Maria Esquirol che spiega il suo cammino dell'ingenuità e la forza della bontà.
02.09.2019
Gauchet, La fine del dominio maschile
Anteprima del nuovo libro di Marcel Gauchet, "La fine del dominio maschile", un passaggio sulla scomparsa della figura del padre nella società e non solo.
31.10.2018
Il grande codice. Bibbia e letteratura
Un'anteprima tratta dal libro "Il grande codice. Bibbia e letteratura" di Northrop Frye, un grande classico del pensiero critico.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Tutte le Collane