Piccola, grande e ostinata: Valeska Gert - Massimo Locatelli - Vita e Pensiero - Capitolo Vita e Pensiero

Piccola, grande e ostinata: Valeska Gert

digital Piccola, grande e ostinata: Valeska Gert
Capitolo
Libro Scena madre
Titolo del capitolo Piccola, grande e ostinata: Valeska Gert
Autore
Editore Vita e Pensiero
Formato Capitolo
Formato Pdf
Genere Società, media, famiglia, lavoro Media spettacolo e processi culturali
Scrivi un commento per questo prodotto
€ 4,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

Ballerina, cabarettista e attrice ebrea tedesca (1892-1978), Valeska Gert ha collaborato con i grandi nomi dell’avanguardia filmica e teatrale della Germania weimariana, rivoluzionando i modelli di performance scenica, di utilizzo del corpo e di costruzione della femminilità nel balletto e nelle diverse arti che ha attraversato. Negli anni dell’emigrazione forzata dal nazismo, ha letteralmente allevato una nuova generazione di artisti decisivi per le arti performative del dopoguerra, ospitando nel suo cabaret newyorchese Tennesse Williams e in particolare un’altra, più giovane esule ebrea tedesca quale Judith Malina. È stata poi chiamata da Fellini e dai registi del Nuovo cinema tedesco per essere omaggiata nei loro classici, mentre a lei si sono ancora richiamati esponenti delle scena musicale punk, della videoarte, dell’avanguardia contemporanea in particolare femminista o postfemminista. Piccola, minuta, a lungo quasi dimenticata nella frammentarietà della memoria culturale – pochi e poco conosciuti i frammenti video e le fotografie che la ritraggono –, grande nella sua forza dirompente, nella voglia e capacità di mobilitare il pubblico, sorprenderlo, respingerlo, con ostinazione Gert è rimasta sempre fedele a se stessa, rifiutando di lasciarsi inquadrare in schemi culturali a lei estranei, fossero anche i proclami degli intellettuali d’avanguardia che frequentava. “Forse – scriveva a proposito di Sergej Eisenstein, per il quale nutrì pare una vera e non corrisposta passione d’amore – [Eisenstein] voleva solo dire: Io non voglio fare arte né in senso estetico, né romantico. Io voglio solo scattare un’istantanea di questo tempo che sia tanto brutale e spassionata quanto lo è il tempo stesso”.

Informazioni aggiuntive

È possibile acquistare l’edizione cartacea del volume e gli altri capitoli da questa pagina

News

02.05.2022
I nostri eventi al Salone del Libro 2022
Dal 19 al 23 maggio saremo al Salone Internazionale del libro di Torino: vi aspettiamo al Pad. 2 stand L69 per tanti eventi e grandi ospiti.
16.05.2022
La convergenza di interessi dietro la strage di Capaci
A trent'anni dalla strage di Capaci, vi proponiamo un estratto dal libro "Mafia. Fare memoria per combatterla" del giudice Antonio Balsamo.
16.05.2022
Charles de Foucauld, il santo del deserto
In occasione della canonizzazione, vi proponiamo due titoli - di Sequeri e d'Ors - per approfondire la figura di Charles de Foucauld.
16.05.2022
Onida: la passione del «ben pensare politicamente»
Per commemorare la memoria di Valerio Onida, recentemente scomparso, pubblichiamo un estratto del dialogo con Enzo Balboni.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Pagine prime
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Scopri le altre Collane