Il tuo browser non supporta JavaScript!

L'Italia di tutti

Pdf L'Italia di tutti
Ebook
Social DRM
titolo L'Italia di tutti
sottotitolo Per una nuova politica dei beni comuni
autori ,
collana Transizioni
formato Ebook - Pdf
protezione Social DRM

Informazioni sulla protezione

X
pubblicazione 2019
ISBN 9788834334829
Scrivi un commento per questo prodotto
 
€ 9,99

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

 
Disponibile in altri formati:
L'Italia di tutti. Per una nuova politica dei beni comuni
formato: Libro | editore: Vita e Pensiero | anno: 2019 | pagine: 160
Anno: 2019
Acqua, energia, trasporti, scuola, salute, monumenti, ambiente: l’Italia di tutti è fat­ta di questi ‘beni comuni’ che possano costituire un varco verso il futuro di tutto il sistema, come spiegano Johnny Dotti e Andrea Rapaccini.
€ 14,00
L'Italia di tutti. Per una nuova politica dei beni comuni Epub
formato: Ebook | editore: Vita e Pensiero | anno: 2019
Anno: 2019
Acqua, energia, trasporti, scuola, salute, monu­menti, paesaggio, ambiente: l’Italia di tutti è fat­ta di questi e altri ‘b
€ 9,99
Acqua, energia, trasporti, scuola, salute, monu­menti, paesaggio, ambiente: l’Italia di tutti è fat­ta di questi e altri ‘beni comuni’. Beni essenziali per la qualità della vita dei cittadini, a cui sono destinati. Beni che vanno sottratti a due opposte dissipazioni: quella di uno Stato inefficiente, inde­bitato e incapace di rinnovarsi; ma anche quella di un Mercato speculativo, insaziabile e iniquo. Urge, come spesso si dice, un cambiamento di paradigma, che superi entrambi i modelli, oggi non più sostenibili. I beni comuni sono il terreno privilegiato di un mutamento di rotta che abbia come stella polare i legami sociali e la loro te­nuta. In questa prospettiva il pubblico assume la funzione di istanza regolatrice – non sostitutiva – del privato, che dovrebbe a sua volta generare ricchezza sostenibile ed equamente condivisa tra tutti i soggetti del sistema (famiglie, associazioni, imprese, cooperative, reti di territorio).
Questa vi­sione complessiva – delineata nella prima parte del saggio di Johnny Dotti e Andrea Rapaccini – non appartiene al regno della teoria astratta e velleitaria, ma è già concretamente praticata in molte esperienze di successo, che hanno creato valore non solo in termini economici ma anche sociali e antropologici. Un’alternativa è realmen­te possibile. Ma perché i beni comuni possano co­stituire un varco verso il futuro di tutto il sistema, sono indispensabili scelte politiche che orientino la gestione della cosa comune in una logica più inclusiva e innovativa. Il libro traccia questa pro­mettente rotta, aiutando a immaginare concrete forme di governance, strumenti finanziari, model­li manageriali e assetti normativi che diano corpo alle sempre più pressanti attese di cambiamento.

Chi ha visto questo prodotto ha guardato anche...


News

04.12.2019
Max Picard: il veggente della tecnocrazia
Chi era Max Picard? Ritratto di un intellettuale irregolare che ha previsto i pericoli della società tecnocratica e di una modernità in fuga dal divino.
03.09.2019
Il filosofo della bontà, un Candide 2.0 in carne e ossa
Intervista al filosofo catalano Josep Maria Esquirol che spiega il suo cammino dell'ingenuità e la forza della bontà.
02.09.2019
Gauchet, La fine del dominio maschile
Anteprima del nuovo libro di Marcel Gauchet, "La fine del dominio maschile", un passaggio sulla scomparsa della figura del padre nella società e non solo.
31.10.2018
Il grande codice. Bibbia e letteratura
Un'anteprima tratta dal libro "Il grande codice. Bibbia e letteratura" di Northrop Frye, un grande classico del pensiero critico.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Tutte le Collane