LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2021 - 4 - autori-vari - Vita e Pensiero - Fascicolo digitale Vita e Pensiero

LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2021 - 4

novitàdigital LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2021 - 4
Fascicolo digitale
rivista LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO
fascicolo 4 - 2021
titolo LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2021 - 4
editore Vita e Pensiero
formato Fascicolo digitale | Pdf
Scrivi un commento per questo prodotto

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

Quarto fascicolo del 2021

SOMMARIO

La virtù e le forme della vita buona. Peripezie storiche e problemi del presente. I
di Giuseppe Angelini pagine: 14 € 3,60
Abstract
«Viviamo in una stagione che vede l’umanesimo occidentale a rischio. E di tale umanesimo ingrediente assolutamente centrale è stata la virtù». La riflessione di mons. Giuseppe Angelini (teologo morale, già preside della Facoltà teologica di Milano) prende avvio da questa constatazione che assume nell’odierna situazione del cattolicesimo e della vita civile una particolare rilevanza, perché la mentalità e il costume corrente sembrano ignorare il pensiero e la pratica della virtù. Eppure, le virtù sono l’habitus della vita buona, i modi attraverso cui la coscienza morale assume la sua forma concreta e quotidiana. Se nella società postmorale il costume diffuso non supporta più queste forme di vita buona, occorre ripensarne e riproporne il significato nell’ottica della fede cristiana e in rapporto alle mutate condizioni. L’articolo in questa prima parte procede a una ricognizione della questione e a una sua sintetica ripresa nella prospettiva della tradizione neotestamentaria. La seconda parte del contributo sarà dedicata a una teologia della virtù ripensata in raccordo con il tema della coscienza credente.
Una comunità che serbi tracce di fraternità
di Ivo Lizzola pagine: 22 € 3,60
Abstract
Il trauma del primo lockdown, nella primavera del 2020, è stato segnato dai drammatici interrogativi sui risvolti culturali e sociali della pandemia, accompagnati dal desiderio pressante di trarne un insegnamento affinché l’umanità ne uscisse migliore, istruita dalle molte ‘lezioni’ impartite dall’emergenza pandemica. In questa seconda primavera di malattia tali interrogativi sembrano ormai  abbandonati, accantonati a favore dall’enfasi ‘tecnica’ posta sulla via d’uscita vaccinale. Ivo Lizzola, professore di Pedagogia sociale e di Pedagogia della marginalità e della devianza presso ’Università degli Studi di Bergamo, ritorna con coraggio su quei temi di fondo, riprendendoli alla luce dell’insegnamento di Francesco, soprattutto dell’enciclica Fratelli tutti che, come già la Laudato si’, «offre una grande indicazione di movimento: indica una dinamica, in atto e possibile: di vita, di relazioni, d’organizzazione della convivenza; una dinamica culturale e spirituale. Una forma di vita dal sapore del Vangelo nella quale possono trovare alimento, appoggio e pratica una nuova politica, una democrazia non disincarnata». Il testo, caratterizzato da stile evocativo e linguaggio denso di immagini, riprende i temi centrali di un’antropologia che chiede di essere nuovamente pensata sia nella reinterpretazione di soggetti che sappiano integrare le molteplici figure della vulnerabilità sia nell’immaginare nuove figure del legame sociale; proprio in questo ambito – sottolinea l’autore – le comunità cristiane potranno avere un ruolo profetico, proponendosi di interpretare le «capacità di fedeltà, di povertà, di generosità, iniziando, camminando», sapendo ««“fare posto” a chi fatica ad averlo, a stare nelle dinamiche del vivere; fare spazio a chi porta fragilità, non per “risolverle” ma per fare entrare nel gioco di responsabilità, di presenze reciproche, di costruzione di luoghi abitabili».

Attraversare il cambiamento con cuore di pastori
di Mariano Crociata pagine: 14 € 3,60
Abstract
Viviamo in una situazione di continuo e veloce cambiamento socioculturale che interroga profondamente i pastori più attenti, consapevoli che le prassi consolidate hanno ben poca utilità nell’orientare un proficuo rapporto con la realtà attuale. Mons. Mariano Crociata, vescovo di Latina-Terracina-Sezze-Priverno, affronta apertamente le principali problematiche poste da queste dinamiche, cercandone una chiave interpretativa ma proponendo soprattutto un atteggiamento positivo di fronte a tutto ciò che si presenta oggi come nuovo e inedito e sollecita quotidianamente la pastorale. Ascolto, sguardo aperto sulla realtà, capacità creativa di entrare in relazione con tutti rappresentano le abilità di fondo capaci di far vibrare i cuori dei pastori che sanno accogliere il cambiamento: «Deve cambiare dunque il nostro modo di guardare, l’ordine e la priorità delle nostre preoccupazioni. Una fede rinnovata e fresca è ciò che precisamente ci serve».
Spiegare Dante alla Gestapo. Note sugli studi danteschi di Romano Guardini
di Fabio Quartieri pagine: 15 € 3,60
Abstract
L’interessante articolo di Fabio Quartieri, docente di Teologia sistematica presso l’ISSR ss. Vitale e Agricola di Bologna, celebra in modo originale l’importante anniversario dantesco del 2021. Lo fa
documentando un episodio non molto noto della vita di Romano Guardini, uno degli intellettuali cattolici più influenti del XX secolo, docente di Katholische Weltanschauung all’università di Berlino durante gli anni cupi della Germania hitleriana. A quel tempo il suo semplice parlare di Dante e, tramite lui, dell’antropologia cattolica, divenne tanto eversivo da essere ritenuto una minaccia per la ‘visione del mondo’ nazista. Proporre Dante fu per Guardini un modo di manifestare il proprio dissenso verso l’ideologia del Terzo Reich, cercando nel contempo di instillare nelle giovani generazioni di studenti degli anticorpi culturali che ne proteggessero le coscienze grazie a un’azione pedagogica che può essere considerata paradigmatica per ogni tempo: «Costruire ricoveri per intere generazioni: questo ha fatto Guardini nel suo tempo e questa è la missione che sempre attende – di fronte a nuovi e vari deserti dilaganti – ogni educatore cristiano».
In mare aperto. Una ricerca sui giovani e la pandemia
di Stefano Didonè pagine: 10 € 3,60
Abstract
La pandemia ha segnato duramente la vita quotidiana dei giovani, costretti a rinunciare a molte esperienze che appartengono fisiologicamente alla fase più vitale e creativa dell’esistenza. L’Osservatorio Giovani dell’Istituto Toniolo si è interrogato sugli effetti che questa emergenza è destinata a produrre sul loro atteggiamento nei confronti della vita, del futuro, della società, e in particolare sulle ricadute nel loro rapporto con la fede e con la Chiesa. Queste domande sono all’origine dell’intervento di don Stefano Didonè, docente di Teologia fondamentale presso l’Istituto Superiore di Scienze Religiose di Treviso-Vittorio Veneto, che con Paola Bignardi ha curato il volume dedicato agli esiti dell’indagine. Il suo intervento approfondisce l’inedito profilo dell’atteggiamento ‘post-secolare’ delle nuove generazioni di fronte alle tematiche religiose. Segnato da sensibilità sociale, autenticità e apertura a una ricerca senza pregiudizi, esso presenta tratti che sfidano la pastorale a rimodularsi e ad affrontare con coraggio il «mare aperto» dell’universo giovanile: «Imparare a reinventarsi appare una vera e propria urgenza pastorale per la Chiesa di oggi, chiamata alla trasformazione missionaria e a un modo di crescere per “attrazione”. […] Senza schemi, né paternalismi, alla ricerca di un incontro reso possibile solo dalla comune capacità di stupirsi ancora una volta nient’altro che per il Vangelo».

News

17.06.2021
Franco Battiato e il tema del divino
Dalla "Rivista del Clero" un estratto dell'articolo di Alessandro Beltrami dedicato al cantautore Franco Battiato.
08.06.2021
Festival biblico: dove abita la luce?
Teresa Bartolomei il 20 giugno sarà ospite del Festival biblico di Rovigo per spiegare come la Parola può essere guida per costruire nuove "arche" e forme di convivenza basate su nuovi modelli di vita.
08.06.2021
Torino spiritualità 2021: il desiderio in scena
Tra gli ospiti della manifestazione torinese dedicata al desiderio, il filosofo Silvano Petrosino, con un doppio appuntamento il 19 giugno, e l'economista Alessandra Smerilli.
07.06.2021
Il giudice: uomo vitruviano libero, riservato e al servizio del diritto
Un'anteprima delle pagine del libro "Giustizia" di Giovanni Canzio e Francesca Fiecconi dedicate al modello ideale di giudice.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Pagine prime
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Scopri le altre Collane

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento