Il tuo browser non supporta JavaScript!

La parola contro la barbarie

La parola contro la barbarie
titolo La parola contro la barbarie
sottotitolo Insegnare ai nostri bambini a vivere insieme
autore
argomenti Educazione e pedagogia
Società, media, famiglia, lavoro Sociologia
collana Transizioni, 22
formato Libro
pagine 144
pubblicazione 2007
ISBN 9788834315293
Scrivi un commento per questo prodotto
 
€ 14,00
Spedito in 3 giorni
Imparare a parlare, e poi a leggere e scrivere: è l’avventura affascinante e impegnativa che ogni bambino intraprende ripercorrendo, in pochi anni, la strada che i primi uomini hanno impiegato un’infinità di tempo a tracciare. E in questa ricerca, nella quale egli costruisce la sua lingua e non riproduce semplicemente quella altrui, ha bisogno di essere accompagnato da mediatori – la sua famiglia dapprima, poi la scuola – a un tempo benevoli ed esigenti, in grado di illuminare il suo cammino, di indicargli le strade senza uscita, ma anche di incitarlo a non accontentarsi dei limiti confortevoli della ‘prossimità’.
Perché, è la tesi sostenuta in questo libro, la lingua non è fatta per parlare con un altro me stesso, con chi la pensa come me, vive dove vivo io, crede nel mio stesso dio. Utilizzando un efficace paradosso, Alain Bentolila, insigne linguista con il dono di una scrittura coinvolgente, afferma che la lingua non è fatta per parlare a coloro che amiamo, ma per parlare a coloro che non amiamo, per dire loro cose che risulteranno forse spiacevoli, ma che ci permetteranno di riconoscerci e rispettarci.
Non si ha bisogno di parole con chi ci è più vicino. Le parole diventano invece necessarie quando si ha di fronte l’altro nella sua alterità, nella sua intelligenza così simile ma così diversa dalla nostra, quando la ‘comunione’ deve cedere il passo alla ‘comunicazione’.
Ma se parlare vuol dire sedersi al tavolo della negoziazione linguistica, accettare che l’altro abbia il diritto di interpretare il senso delle mie parole e insieme cercare di evitare che questa interpretazione sia un tradimento della mia intenzione, allora dobbiamo riconoscere alla parola (e alla scrittura) un potere prezioso: quello di trasformare pacificamente il mondo e gli altri. Quando questo potere viene perso, o dimenticato, spesso non rimane che cercare di imporre le proprie intenzioni con la forza. La violenza può essere esito dell’incapacità di mettere in parole il proprio pensiero, introducendovi un ordine e pacificandolo.
Tra rigorose analisi linguistiche e gustosi aneddoti familiari sapientemente miscelati, Bentolila ci offre un libro lucido e appassionato che parla di noi, dei nostri figli e del futuro, esortandoci a metterci in gioco nella battaglia per la costruzione e la trasmissione di un linguaggio capace di spezzare, con efficacia e misura, la spirale d’incomprensione che conduce allo scontro violento. «Essere uomini», egli conclude, «significa trasmettere la virtù pacifica della parola ai nostri bambini affinché abbiano una chance di costruire un mondo che, meglio del nostro, saprà resistere alla tentazione della barbarie».

Biografia dell'autore

Alain Bentolila, professore di Linguistica alla Sorbona di Parigi, vive in Francia, dove è consigliere scientifico dell’Osservatorio nazionale sulla lettura e dell’Agenzia nazionale per la lotta all’analfabetismo. Tra le sue numerose pubblicazioni, ormai considerate opere di riferimento, ricordiamo: De l’illettrisme en général et de l’école en particulier (1996, Grand Prix de l’Académie française) e Le propre de l’homme (2000).
Sole 24 Ore: Le parole, segno di cittadinanza (di C. Ossola)
pubblicato il: 08-02-2017
Articoli che parlano di La parola contro la barbarie:
Charlie Hebdo: riflessioni su la caricatura e il sacro   (Attualità)
Il terribile attacco al Charlie Hebdo ha riportato alla ribalta il tema della libertà di espressione e della raffigurazione del divino. Bœspflug ci guida attraverso l'arte e la religione in questo intenso saggio.

Chi ha visto questo prodotto ha guardato anche...


News

13.07.2020
Riflessioni sul tempo, d'estate
Per questa pausa estivo vi proponiamo cinque saggi tra filosofia, spiritualità e psicanalisi per riflettere sul tema del tempo.
30.07.2020
Tomáš Halík, un teologo alla ricerca
Ritratto del teologo ceco, premio Templeton Prize, del suo dialogo con i non credenti al significato di Chiesa cattolica.
27.07.2020
Carlo Ossola, la letteratura rende lieti
Carlo Ossola, filologo e critico letterario, si racconta nel nostro questionario di Proust 2.0, tra Dante, Cicerone ed Erasmo e le virtù della lettura.
21.07.2020
Josef Pieper: il "Maestro" del papa
Ritratto del filosofo tedesco Josef Pieper, "maestro" di Benedetto XVI, divulgatore dei classici, profeta delle parole.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Pagine prime
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Scopri le altre Collane