Congregazioni religiose e sviluppo in Lombardia tra Otto e Novecento - Alessandro Colombo - Vita e Pensiero - Libro Vita e Pensiero

Congregazioni religiose e sviluppo in Lombardia tra Otto e Novecento

Congregazioni religiose e sviluppo in Lombardia tra Otto e Novecento
Titolo Congregazioni religiose e sviluppo in Lombardia tra Otto e Novecento
autore
Argomenti Religione e spiritualità Storia religiosa
Storia Storia religiosa
Collana Varia. Saggistica
Formato Libro
Pagine 188
Pubblicazione 2004
ISBN 9788834311868
Scrivi un commento per questo prodotto
 
€ 16,00
Nell’epoca della prima industrializzazione italiana sorsero e operarono nuove congregazioni religiose che rappresentarono un rilevante fattore di sviluppo socio-economico, per l’attitudine dei religiosi a comprendere i bisogni della popolazione e a dar vita a iniziative coerenti ed efficaci per soddisfarli. Nonostante un ordinamento statuale diretto a sopprimere e privare di basi la presenza religiosa nella società civile, maturarono peculiari carismi e modi specifici di intendere il mondo e di operarvi.
In quel panorama, la Congregazione delle Suore di Carità realizzò un’esperienza duratura, che può essere considerata un modello: un gruppo di persone – motivate da una fede che intendeva manifestarsi in ‘opere sociali’ – conferì all’istituzione risorse strettamente personali per produrre un reddito e per redistribuirlo immediatamente e direttamente sul territorio, laddove si riscontravano carenze elementari riguardo ad aspetti fondamentali dell’organizzazione sociale (asili, ospedali, scuole).
Motivo di interesse, tuttavia, non è la rilevanza quantitativa dell’apporto fornito alle economie locali, ma piuttosto, la fecondità di tale esperienza, in termini di relazioni sociali, di reti di interessi materiali e immateriali, di ‘testimonianze’ reali. «A partire dalla metà del secolo XIX i cittadini lombardi presero consuetudine quotidiana con le suore, una categoria di persone con le quali singoli e famiglie ancora per tutto il Novecento avrebbero direttamente o indirettamente avuto rapporto. Mai prima di allora la vita religiosa era entrata in dialogo con i bisogni sociali ed educativi della gente in questa forma così capillare, organizzativa e innovativa, nella quale la dimensione contemplativa e l’attività apostolica si presentavano senza soluzione di continuità con l’impegno sociale».

Biografia dell'autore

Alessandro Colombo (1966) è direttore del Centro di ricerche per lo studio della dottrina sociale della Chiesa dell’Università Cattolica del Sacro Cuore e direttore di ricerca dell’Istituto Regionale di Ricerca della Lombardia. Laureato in Filosofia presso l’Università Cattolica, è dottore di ricerca in Storia economica presso l’Università degli Studi di Verona, M. Phil in European Studies presso l’Università di Cambridge (UK).
Tra le sue pubblicazioni: L’Unione nello sviluppo del Paese: dalla ricostruzione alla programmazione, in Storia dell’Unione italiana delle Camere di commercio (1862-1994) , Soveria Mannelli 1997; Stato e formazioni sociali nell’Italia contemporanea: storia di una competenza negata, in Sussidiarietà. La riforma possibile, Milano 1998; The Laws of suppression in Italy. Characteristics and Effects, in Religious Institutes in Western Europe in the 19th and 20th Centuries. Historiography, Research and Legal Position, Leuven 2004; The Principle of Subsidiarity and European Citizenship, Vita e Pensiero, Milano 2004.

Chi ha visto questo prodotto ha guardato anche...

Un po' di bene
€ 25,00
Tra agricoltura e industria
€ 20,00

News

18.01.2022
Rimanere sulla piazza
Dalla rinnovata "Rivista del Clero" 1/2022 un estratto dell'editoriale del direttore Giuliano Zanchi.
14.01.2022
Donne, figli e lavoro: il nodo tutto italiano
Breve estratto dal libro "Crisi demografica. Politiche per un paese che ha smesso di crescere" di Alessandro Rosina dedicato alle donne.
26.11.2021
Premio internazionale alla biografia di papa Gregorio IX
Alberto Spataro ha ricevuto il premio "Wissenschaftlichen Stauferpreise" con il volume "Velud fulgor meridianus".
07.01.2022
Smart working sì o no? Partiamo dai lavoratori
Intervista a Pesenti e Scansani, autori di "Smart Working Reloaded", per capire come trarre il meglio dal lavoro agile senza perdere umanità e diritti.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Pagine prime
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Scopri le altre Collane