Dalla Grecia all'Europa - autori-vari - Vita e Pensiero - Libro Vita e Pensiero

Dalla Grecia all'Europa

Dalla Grecia all'Europa
Titolo Dalla Grecia all'Europa
Sottotitolo La circolazione di beni di lusso e di modelli culturali nel VI e V secolo a.C.
curatore
Argomenti Arte e beni culturali Archeologia
Collana Archeologia
Formato Libro
Pagine 192
Pubblicazione 2007
ISBN 9788834314944
Scrivi un commento per questo prodotto
 
€ 22,00
Spedito in 3 giorni
La ricerca di materie prime, soprattutto metalli, spinse i Greci a stabilire contatti commerciali non solo nel Mediterraneo orientale ma anche verso occidente, sia con l’Italia sia con le regioni europee più interne. Le tappe delle rotte seguite nel Mediterraneo sono segnate, fin dal periodo miceneo, soprattutto dal rinvenimento di ceramiche di produzione greca in contesti indigeni. Con la ripresa dei contatti commerciali all’inizio dell’età del Ferro, in Italia è soprattutto il rapporto con gli Etruschi e con le popolazioni indigene dell’Italia meridionale a favorire scambi regolari e duraturi; dal periodo arcaico verranno raggiunte anche le regioni dell’Europa centrale, seguendo i principali itinerari marittimi e fluviali: dall’Adriatico al delta del Po e di lì fino ai passi alpini, e dal Tirreno fino alla foce del Rodano e ai centri celtici della cultura hallstattiana.
Come merci di scambio i Greci offrivano i prodotti dell’artigianato (ceramica fine da mensa) e dell’agricoltura (vino e olio); alla circolazione di beni e merci, comuni e di particolare pregio, si accompagnava anche quella di abitudini e pratiche sociali, che influenzavano le società e le culture con le quali venivano a contatto. In genere, l’interesse degli studiosi ha privilegiato le merci che potevano essere messe in relazione con effettivi intenti commerciali.
Il libro Dalla Grecia all'Europa (che raccoglie gli Atti di una giornata di studi tenutasi nella sede bresciana dell’Università Cattolica) analizza invece la circolazione anche di quei prodotti più rari, costituiti dai beni di lusso, legati soprattutto alla pratica del banchetto conviviale – quali ceramiche figurate e vasellame in bronzo – per verificare non solo gli itinerari seguiti ma anche l’influsso esercitato sulla cultura e sull’arte figurativa delle popolazioni, concentrandosi in particolare sulle realtà costituite dai contesti indigeni dell’Italia e dell’Europa hallstattiana dall’inizio del VI a tutto il V secolo a.C.

Contributi di:
S. Casini (Museo Archeologico di Bergamo); R.C. De Marinis (Università degli Studi, Milano); A.E. Fossati (Università Cattolica, Brescia); E. Lippolis (Università «La Sapienza», Roma); P. Melli (Soprintendenza Archeologica della Liguria); C. Tarditi (Università Cattolica, Brescia)

Biografia dell'autore

Chiara Tarditi è ricercatore e docente di Archeologia Classica presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore, sede di Brescia.



News

29.09.2022
Antonio Balsamo all'Università di Palermo
La presentazione di "Mafia. Fare memoria per combatterla", martedì 4 ottobre.
28.09.2022
Dimmi cosa mangi e ti dirò chi sei
Intervista a Patrizia Catellani e Valentina Carfora, autrici di "Psicologia sociale dell'alimentazione", per capire meglio le nostre scelte alimentari.
23.09.2022
Silvano Petrosino a Soresina
"La cura dell'ambiente e l'abitare umano": l'appuntamento alla Biblioteca Comunale, domenica 23 ottobre.
02.09.2022
Pablo d'Ors a Torino Spiritualità
Due incontri con il sacerdote madrileno, sabato 1° ottobre, in occasione di Torino Spiritualità.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Pagine prime
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Scopri le altre Collane

Inserire il codice per attivare il servizio.