Il tuo browser non supporta JavaScript!

Rigenerare i legami: la mediazione nelle relazioni familiari e comunitarie

Rigenerare i legami: la mediazione nelle relazioni familiari e comunitarie
titolo Rigenerare i legami: la mediazione nelle relazioni familiari e comunitarie
curatori ,
argomenti Società, media, famiglia, lavoro Famiglia
collana Studi interdisciplinari sulla famiglia, 20
formato Libro
pagine 376
pubblicazione 2004
ISBN 9788834311127
Scrivi un commento per questo prodotto
 
€ 30,00
Nell’ultimo decennio sono aumentate esponenzialmente le riflessioni relative alla mediazione, uno dei più antichi metodi di risoluzione dei conflitti, che questo volume mette a tema nelle forme della mediazione familiare e della mediazione comunitaria. L’una, come è noto, affronta soprattutto i problemi innescati dalla separazione coniugale; l’altra ha uno spettro di intervento più ampio e può prendere in considerazione i diversi conflitti, latenti o manifesti, che si verificano in una comunità. Cosa le accomuna e perché considerarle in modo congiunto? Sono queste le domande di fondo e anche la sfida a cui i saggi qui riuniti cercano di dare risposta.
Il filo rosso che li attraversa è la convinzione che la tensione ideale di un intervento di mediazione sia la salvaguardia del valore simbolico dei legami, siano essi familiari o sociali. In un processo di mediazione non ci sono infatti solo persone in conflitto ma vi è anche il loro legame e la storia di esso, che richiede di essere accolta e, per quanto possibile, ripresa e riaffermata nelle sue potenzialità generative. La proposta della mediazione sta nel cercare di trasformare rapporti cristallizzati nel conflitto o nell’indifferenza reciproca in relazioni creative, non destinate a perpetuarsi in modo ripetitivo, ma aperte alla possibilità di rinnovarsi.
Le indicazioni e i riscontri empirici mostrano come la mediazione possa rappresentare per la nostra cultura una notevole opportunità. Un’alternativa alla logica del conflitto e alle soluzioni impositive, che di solito vengono perseguite per il suo superamento. È anche una sfida al codice individualista che informa l’anima della nostra vita sociale. In ciò si ritrova il senso ultimo del lavoro di mediazione, l’impegno e la responsabilità da parte della comunità – di cui il mediatore è il rappresentante simbolico – per la cura dei legami. Solo così è possibile tentare di arginare gli esiti disgreganti e mortiferi che le conflit-tualità umane spesso producono.

Informazioni aggiuntive

Di questo volume esiste anche la versione in ebook. Per ulteriori informazioni clicca qui

News

04.12.2019
Max Picard: il veggente della tecnocrazia
Chi era Max Picard? Ritratto di un intellettuale irregolare che ha previsto i pericoli della società tecnocratica e di una modernità in fuga dal divino.
03.09.2019
Il filosofo della bontà, un Candide 2.0 in carne e ossa
Intervista al filosofo catalano Josep Maria Esquirol che spiega il suo cammino dell'ingenuità e la forza della bontà.
02.09.2019
Gauchet, La fine del dominio maschile
Anteprima del nuovo libro di Marcel Gauchet, "La fine del dominio maschile", un passaggio sulla scomparsa della figura del padre nella società e non solo.
31.10.2018
Il grande codice. Bibbia e letteratura
Un'anteprima tratta dal libro "Il grande codice. Bibbia e letteratura" di Northrop Frye, un grande classico del pensiero critico.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Tutte le Collane