Il tuo browser non supporta JavaScript!

Il testamento dottrinale di Sebastiano Castellion e l'evoluzione razionalistica del suo pensiero

Il testamento dottrinale di Sebastiano Castellion e l'evoluzione razionalistica del suo pensiero
titolo Il testamento dottrinale di Sebastiano Castellion e l'evoluzione razionalistica del suo pensiero
autore
argomenti Filosofia Filosofia moderna
Religione e spiritualità Storia religiosa
Storia Storia religiosa
collana Ricerche. Filosofia
formato Libro
pagine 318
pubblicazione 2005
ISBN 9788834311899
Scrivi un commento per questo prodotto
 
€ 25,00
Spedito in 3 giorni
Questo saggio ha come oggetto specifico l’ultima opera di Sebastiano Castellion – umanista che ebbe in Calvino e nel suo coadiutore Teodoro di Beza accesi avversari.
Il manoscritto, custodito dal 1563 nella Biblioteca dei Rimostranti di Rotterdam e pubblicato per la prima volta nel 1937, porta il titolo De arte dubitandi et confidendi, ignorandi et sciendi; la definizione di ‘Testamento dottrinale’ allude al carattere dell’opera, che riunisce e completa le dottrine contenute nei precedenti scritti di Castellion riguardo ai temi della fede e della tolleranza religiosa, e soprattutto alla predestinazione e al libero arbitrio, in radicale polemica con il determinismo di Calvino. Quasi presago della morte prematura e frastornato da conflitti e lotte religiose fratricide, Castellion intende portare a compimento le proprie convinzioni teologiche e filosofiche relative all’ispirazione, all’autenticità e alla verità delle Scritture, e presentare un nuovo criterio ermeneutico in grado di dirimere i contrasti fra disamine esegetiche diverse. Malgrado la distribuzione disordinata degli argomenti, che riflette la difficile condizione del Riformato, insidiato dai suoi avversari, egli si esprime con una certa chiarezza sulla giustificazione e sulla salvezza, accogliendo, tuttavia, elementi di natura razionalistica: si pensi alla fede non più ritenuta dono di Dio, o alle dottrine sulla SS. Trinità e sull’Eucaristia, escludenti, in entrambi i casi, la dimensione soprannaturale. Nella sua frettolosa stesura, forse neppure ultimata, il ‘Testamento’ consente di ricostruire la scomposta evoluzione delle dottrine castellioniane, che preludono all’imminente avvento del protestantesimo liberale e denunciano i gravi conflitti che tormentarono l’autore fino alla morte prematura, avvenuta a soli 48 anni.

Biografia dell'autore

Carla Gallicet Calvetti, già professore ordinario di Filosofia morale presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, ha dedicato i suoi primi studi a Pascal (Il fenomenismo religioso di B. Pascal, Milano 1950; Le strutture della persona umana in B. Pascal, Milano 1963) e a M. de Unamuno (La fenomenologia della credenza in M. de Unamuno, Milano 1955). Ha soggiornato a lungo all’estero per preparare numerosi studi sulla Riforma, fra i quali: La filosofia di G. Calvino, Milano 1955; La filosofia di U. Zwingli, Milano 1964; La filosofia di F. Socino e il problema della tolleranza, Milano 1964. Ha inoltre pubblicato i seguenti volumi: Spinoza. I presupposti teoretici dell’irenismo etico, Milano 1968; Spinoza lettore del Machiavelli, Milano 1972; B. Spinoza di fronte a Leone Ebreo, Milano 1982. Riprendendo gli studi sulla Riforma, ha edito: S. Castellion, il riformato umanista contro il riformatore Calvino, Milano 1989 e La tolleranza religiosa in S. Castellion antesignano del protestantesimo liberale (in La tolleranza religiosa, a cura di M. Sina, Milano 1991).

News

17.02.2020
Il lettore nell'epoca digitale
Dal 2 al 16 marzo un ciclo di incontri dedicato al lettore al Palazzo Ducale di Genova con Petrosino, Esquirol, Ossola, Affinati, Sequeri. Tolentino.
14.02.2020
La fuga dei cervelli nel mondo antico
Una storia raccolta nel volume "Migranti e lavoro qualificato nel mondo antico": intervista ai curatori Cinzia Bearzot, Franca Landucci e Giuseppe Zecchini.
14.02.2020
Google ci rende meno liberali?
Anteprima del saggio di Sonia Lucarelli che analizza fondamenta, evoluzione e crisi dell’ordine liberale di fronte alle nuove sfide: digitale in primis.
06.02.2020
George Steiner: un incontro indimenticabile
Il 3 febbraio si è spento il grande critico Steiner, nostro ospite nel 2012 per "Il libro dei libri".

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Pagine prime
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Scopri le altre Collane