Il tuo browser non supporta JavaScript!

Menae patricii cum Thome referendario De scientia politica dialogus

Menae patricii cum Thome referendario De scientia politica dialogus
titolo Menae patricii cum Thome referendario De scientia politica dialogus
sottotitolo iteratis curis quae exstant in codice Vaticano palimpsesto ed. Carol Maria Mazzucchi
autore
argomenti Lingue e letterature Letteratura greca e latina
collana Bibliotheca erudita, 17
formato Libro
pagine 192
pubblicazione 2002
ISBN 9788834305805
Scrivi un commento per questo prodotto
 
€ 50,00
Spedito in 3 giorni
Composto probabilmente a Costantinopoli all’inizio del regno di Giustiniano nell’ambiente bilingue dei dotti che contribuirono alla monumentale attività giuridica dell’imperatore, questo dialogo greco di stile platonico «sulla scienza politica» fu giudicato da Agostino Pertusi come opera «del miglior pensatore di quel tempo». Nel tentativo di delineare l’immagine di uno Stato ideale, i due interlocutori non solo cercano di elaborare una compiuta filosofia del potere imperiale, ma dibattono i problemi concreti del mondo loro contemporaneo. La struttura e l’addestramento dell’esercito, l’analisi della società, la questione dei ‘demi’ e il ruolo della vita cittadina, l’organizzazione della burocrazia, le norme per la successione al potere imperiale, i fondamenti metafisici dell’autorità del ‘basileus’ sono alcuni dei soggetti discussi nelle parti conservate del dialogo. Scoperto in un palinsesto vaticano dal cardinale Mai, il quale ne pubblicò nel 1827 un’edizione provvisoria, gravemente mutila e scorretta, fu offerto vent’anni fa in una sostanziale princeps dal curatore, che ne presenta ora una seconda edizione con il recupero completo del testo, con una nuova traduzione più fedele allo stile del greco, con una prefazione più ricca e con maggior cura nella ricerca delle fonti.

Biografia dell'autore

Carlo Maria Mazzucchi, nato a Milano nel 1952, laureatosi all’Università Cattolica in Lettere classiche nel 1975 e diplomato nel 1977 in Filologia classica, è dal 1978 professore incaricato e dal 1985 associato di Filologia bizantina nello stesso Ateneo, dove, dal 1992, insegna anche Paleografia greca. I suoi studi vertono principalmente sulla tradizione e la ricezione dei classici a Bisanzio e sulla storia militare romana e bizantina. Nel 1992 ha pubblicato, sempre per Vita e Pensiero, l’edizione critica, corredata da un’ampia esegesi, del Perì uyouv, il più celebre scritto antico di estetica letteraria.

News

17.02.2020
Il lettore nell'epoca digitale
Dal 2 al 16 marzo un ciclo di incontri dedicato al lettore al Palazzo Ducale di Genova con Petrosino, Esquirol, Ossola, Affinati, Sequeri. Tolentino.
14.02.2020
La fuga dei cervelli nel mondo antico
Una storia raccolta nel volume "Migranti e lavoro qualificato nel mondo antico": intervista ai curatori Cinzia Bearzot, Franca Landucci e Giuseppe Zecchini.
14.02.2020
Google ci rende meno liberali?
Anteprima del saggio di Sonia Lucarelli che analizza fondamenta, evoluzione e crisi dell’ordine liberale di fronte alle nuove sfide: digitale in primis.
06.02.2020
George Steiner: un incontro indimenticabile
Il 3 febbraio si è spento il grande critico Steiner, nostro ospite nel 2012 per "Il libro dei libri".

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Pagine prime
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Scopri le altre Collane