Icone dell’esilio

Icone dell’esilio

novità Icone dell’esilio
Titolo Icone dell’esilio
Sottotitolo Immagini vive nell'epoca dell'Arte e della Ragione
autore
Argomenti Religione e spiritualità
Filosofia Filosofia contemporanea
Collana Arti e Scritture, 16
Formato Libro
Pagine 176
Pubblicazione 2022
ISBN 9788834346693
Copertina HD Copertina HD
Scrivi un commento per questo prodotto
 
€ 18,00
Spedito in 3 giorni
 
Disponibile in altri formati:
Icone dell’esilio. Immagini vive nell'epoca dell'Arte e della Ragione novitàPdf
formato: Ebook | editore: Vita e Pensiero | anno: 2022
Anno: 2022
Lungo tutto il primo millennio dell’era cristiana, le immagini religiose erano state elevate a una dignità che le avvicinava a
€ 12,99
Icone dell’esilio. Immagini vive nell'epoca dell'Arte e della Ragione novitàEpub
formato: Ebook | editore: Vita e Pensiero | anno: 2022
Anno: 2022
Lungo tutto il primo millennio dell’era cristiana, le immagini religiose erano state elevate a una dignità che le avvicinava a
€ 12,99

Lungo tutto il primo millennio dell’era cristiana, le immagini religiose erano state elevate a una dignità che le avvicinava al potere simbolico del sacramento. L’icona, come verrà chiamata per antonomasia l’immagine sacra cristiana, era una vera e propria ‘impronta’ del soprannaturale, presenza reale dell’invisibile divino. Nei secoli moderni, questa gloria storica dell’icona perde progressivamente significato. Si inaugura, a partire dall’Umanesimo, quella che Giuliano Zanchi chiama in questo libro «l’epoca dell’Arte e della Ragione», in cui il pensiero scientifico diventa lo strumento di interfaccia col mondo e l’immagine viene codificata secondo i canoni squisitamente qualitativi della formalità artistica. È la fine di un mondo. La cultura religiosa si ritrova in esilio nella sua stessa epoca, guardata con sospetto e spesso assimilata alle regioni occulte della magia e della credulità. Eppure, la materia simbolica continua a muoversi, nella ‘clandestinità’ della devozione popolare. Compaiono immagini sacre ‘residuali’, spesso considerate irrilevanti, che però riescono ad aprire brecce a quanto era stato lasciato fuori da porte ormai chiuse. Zanchi ricostruisce qui la storia di alcune di queste ‘immagini vive’, prima fra tutte quella del Sacro Cuore, nata attorno alle visioni mistiche di Margherita Maria Alacoque nel Seicento e destinata a diventare vessillo della regalità di Cristo come esperienza tangibile, incarnata nell’umano. E poi le molte immagini miracolose, attive soprattutto dopo il Concilio di Trento, che agiscono come veicolo visivo degli affetti di Dio; le apparizioni mariane tra Ottocento e Novecento con la loro influente iconografia; il ritorno della Sindone di Torino grazie al ‘miracolo’ della fotografia. Storie minime di resistenza, che esprimono un disagio (verso la riduzione dell’immagine a mera funzione rappresentativa) e veicolano un rimosso (la potenza degli affetti come luoghi di un sapere più ampio ed effettuale). Storie che possono illuminare anche spazi della nostra ‘civiltà delle immagini’ piena di ibridi e commistioni, in cui nuove ‘icone’, di tutt’altro stampo e intenzioni, come un tempo tendono a scostarsi dallo spazio socialmente loro prestabilito e a reclamare la loro potenza simbolica divergente.

Biografia dell'autore

Giuliano Zanchi (1967), prete di Bergamo dal 1993, licenziato in Teologia fondamentale presso la Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale, è direttore della «Rivista del Clero Italiano» e docente di Teologia presso l’Università Cattolica di Milano. A Bergamo è stato direttore del Museo Diocesano (2008-2019) e ora è direttore scientifico della Fondazione Adriano Bernareggi. Membro del comitato di redazione della rivista «Arte Cristiana», si occupa di temi ai confini tra estetica e teologia. Tra gli ultimi suoi libri pubblicati con Vita e Pensiero: Il Genio e i Lumi. Estetica teologica e umanesimo europeo in François René de Chateaubriand (2011); Prove tecniche di manutenzione umana. Sul futuro del cristianesimo (2012); L'arte di accendere la luce. Ripensare la Chiesa pensando al mondo (2015); Rimessi in viaggio. Immagini da una Chiesa che verrà (2018); La bellezza complice. Cosmesi come forma del mondo (2020).

Avvenire: "Immagini devote, nostalgia dell'icona" (di G. Zanchi)
pubblicato il: 17-03-2022
Articoli che parlano di Icone dell’esilio:
L'icona, finestra dell'Oltre   (L'intervista)
Intervista a Giuliano Zanchi, autore di "Icone dell'esilio. Immagini vive nell'epoca dell'Arte e della Ragione".

Chi ha visto questo prodotto ha guardato anche...


News

02.05.2022
I nostri eventi al Salone del Libro 2022
Dal 19 al 23 maggio saremo al Salone Internazionale del libro di Torino: vi aspettiamo al Pad. 2 stand L69 per tanti eventi e grandi ospiti.
16.05.2022
La convergenza di interessi dietro la strage di Capaci
A trent'anni dalla strage di Capaci, vi proponiamo un estratto dal libro "Mafia. Fare memoria per combatterla" del giudice Antonio Balsamo.
16.05.2022
Charles de Foucauld, il santo del deserto
In occasione della canonizzazione, vi proponiamo due titoli - di Sequeri e d'Ors - per approfondire la figura di Charles de Foucauld.
16.05.2022
Onida: la passione del «ben pensare politicamente»
Per commemorare la memoria di Valerio Onida, recentemente scomparso, pubblichiamo un estratto del dialogo con Enzo Balboni.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Pagine prime
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Scopri le altre Collane