Il tuo browser non supporta JavaScript!

La riflessione sul teatro nella cultura romana

La riflessione sul teatro nella cultura romana
titolo La riflessione sul teatro nella cultura romana
autori ,
argomenti Lingue e letterature Letteratura greca e latina
collana Ricerche. Letteratura greca e latina
formato Libro
pagine 376
pubblicazione 2008
ISBN 9788834316269
Scrivi un commento per questo prodotto
 
€ 30,00
Spedito in 3 giorni
In questo volume vengono pubblicati gli interventi di studiosi italiani e stranieri al convegno La riflessione sul teatro nella cultura romana, organizzato da Giuseppe Aricò e svoltosi presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano (10-12 maggio 2006). I contributi declinano tale tema, ricco e complesso, sia nel suo aspetto di teorizzazione (più o meno esplicita e coerente) elaborata dai Romani, sia nel senso di valutazione da essi espressa sull’esperienza drammatica greca e latina, spaziando dall’età arcaica alla tarda Antichità, esaminando a questo riguardo temperie culturali, generi letterari e orientamenti personali diversi, delineando differenti modalità espressive di questa riflessione: dalla formulazione teorica al giudizio critico, alla ricezione e al riuso in ambiti non drammatici, al mascheramento parodico.

Biografia degli autori

Giuseppe Aricò è stato professore ordinario di Letteratura latina nell’Università di Palermo (1980-1999) e successivamente nell’Università Cattolica del Sacro Cuore, ove ha tenuto anche l’insegnamento di Storia del teatro greco e latino. I suoi principali interessi scientifici si sono articolati su tre filoni: l’epica romana (Virgilio, Valerio Flacco e soprattutto Stazio, del quale ha curato con Antonio Traglia l’edizione con traduzione per la UTET); la tragedia (Euripide, Livio Andronico, Ennio, Accio, Seneca); la riflessione dei Romani in tema di poetica e di critica letteraria (Cicerone, Orazio, Plinio il Giovane). Tra gli altri temi e autori studiati, compaiono Draconzio, Cassiodoro e la cultura latina, la ‘presenza’ classica, in relazione anche alla didattica dell’antico, la documentazione dell’arte figurativa e i suoi rapporti con la tradizione mitologica e letteraria. È componente del Comitato direttivo del «Bollettino di studi latini» e del Comitato scientifico di direzione di «Aevum».

Massimo Rivoltella è ricercatore presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, dove insegna Lingua latina e Retorica e forme della comunicazione. La sua attività di studio si è concentrata principalmente sull’epos virgiliano (a cui ha dedicato la monografia Le forme del morire. La gestualità nelle scene di morte dell’«Eneide», Vita e Pensiero 2005), sulla tragedia senecana e sulla retorica antica (latina in particolare), medievale e moderna.

Chi ha visto questo prodotto ha guardato anche...


News

12.12.2019
Il sermone di Natale di Stevenson
Il 18 dicembre a Pavia incontro su "Sermone di Natale" di Stevenson per scoprire il lato più umano del 'Narratore di Storie' con Bendelli, Mottola, Grisi.
04.12.2019
Max Picard: il veggente della tecnocrazia
Chi era Max Picard? Ritratto di un intellettuale irregolare che ha previsto i pericoli della società tecnocratica e di una modernità in fuga dal divino.
03.09.2019
Il filosofo della bontà, un Candide 2.0 in carne e ossa
Intervista al filosofo catalano Josep Maria Esquirol che spiega il suo cammino dell'ingenuità e la forza della bontà.
02.09.2019
Gauchet, La fine del dominio maschile
Anteprima del nuovo libro di Marcel Gauchet, "La fine del dominio maschile", un passaggio sulla scomparsa della figura del padre nella società e non solo.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Tutte le Collane