Il tuo browser non supporta JavaScript!

La desuetudine delle XII tavole nell'età arcaica

La desuetudine delle XII tavole nell'età arcaica
titolo La desuetudine delle XII tavole nell'età arcaica
autore
argomenti Diritto
collana Ricerche. Diritto
formato Libro
pagine 112
pubblicazione 2005
ISBN 9788834350201
Scrivi un commento per questo prodotto
 
€ 12,00
Spedito in 3 giorni
Questo volume affronta il tema, sempre attuale, del rapporto fra norma di legge e uso a essa contrario. Ciò, in riferimento alla prima fase dell’esperienza giuridica romana quando, nonostante fosse entrata in vigore la grande codificazione decemvirale (legge delle XII tavole), alcuni precetti da questa prescritti furono ben presto, di fatto, disapplicati dalla prassi dei consociati. L’autore dimostra come i processi desuetudinari, allora in atto, non possano essere perfettamente assimilati a quelli oggi conosciuti, poiché nel diritto romano arcaico alla consuetudo contra legem sembra mancare, quasi sempre, il requisito della spontaneità. Si trattava di prassi etero-indotte: dalla giurisprudenza, per lo più, il cui apporto pare addirittura essere (anche) formalmente indispensabile ai fini della caduta in disuso di norme che dettassero la disciplina di riti solenni, negoziali e processuali. È questo, in particolare, il caso del precetto che, nell’ambito della legis actio sacramenti in rem, imponeva alle parti di svolgere il rito del manum conserere davanti al magistrato: la modifica, successivamente introdotta contro il dettato della legge decemvirale, non può spiegarsi se non ipotizzando l’apporto tecnico dei giuristi-pontefici, pronunciatisi anzi, nell’occasione, a mezzo di un decretum dell’intero collegio.

Biografia dell'autore

Lorenzo Franchini svolge attività di ricerca sia all’Università Cattolica di Milano, nelle discipline giusromanistiche, sia all’Istituto dell’Enciclopedia Italiana - Treccani, dove collabora alla presidenza e all’Enciclopedia giuridica. Tra i suoi scritti: A proposito del votum ex incerta pecunia del 200 a.C. (2001), Osservazioni in merito alla lex Acilia de intercalando (2002), oltre a saggi in cui rivela il suo interesse per l’ermeneutica bettiana e l’idealismo gentiliano (reinterpretato, quest’ultimo, in chiave attuale e cristiana).

Chi ha visto questo prodotto ha guardato anche...


News

04.12.2019
Max Picard: il veggente della tecnocrazia
Chi era Max Picard? Ritratto di un intellettuale irregolare che ha previsto i pericoli della società tecnocratica e di una modernità in fuga dal divino.
03.09.2019
Il filosofo della bontà, un Candide 2.0 in carne e ossa
Intervista al filosofo catalano Josep Maria Esquirol che spiega il suo cammino dell'ingenuità e la forza della bontà.
02.09.2019
Gauchet, La fine del dominio maschile
Anteprima del nuovo libro di Marcel Gauchet, "La fine del dominio maschile", un passaggio sulla scomparsa della figura del padre nella società e non solo.
31.10.2018
Il grande codice. Bibbia e letteratura
Un'anteprima tratta dal libro "Il grande codice. Bibbia e letteratura" di Northrop Frye, un grande classico del pensiero critico.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Tutte le Collane