Il tuo browser non supporta JavaScript!

Voti di guerra e regime pontificale della condizione

Voti di guerra e regime pontificale della condizione
titolo Voti di guerra e regime pontificale della condizione
autore
argomenti Diritto
collana Ricerche. Diritto
formato Libro
pagine 112
pubblicazione 2006
ISBN 9788834313138
Scrivi un commento per questo prodotto
 
€ 12,00
All’inizio di una guerra importante i Romani cercavano di rendersi propizi gli dei offrendo loro, in cambio della vittoria, ludi votivi. In questo volume, Lorenzo Franchini conduce un’indagine dettagliata sull’evoluzione della disciplina del votum, considerato come atto sottoposto a condizione sospensiva, nel periodo compreso tra la fine del III e l’inizio del II secolo a.C. La dialettica fra i contrapposti orientamenti giurisprudenziali, che portò a preferire una promessa votiva formulata ex incerta pecunia (ossia priva dell’indicazione della somma esatta da spendere per l’eventuale esecuzione della prestazione) a una formulata ex certa, se da una parte conferma l’esistenza di un vivace dibattito scientifico anche in seno al collegio dei pontifices, appare dall’altra condizionata dall’appartenenza di questi all’una o all’altra fazione della classe dirigente di quel tempo. Pur riconoscendo fattori di ordine extragiuridico come cause determinanti le scelte adottate, Franchini si concentra soprattutto sulla ratio in base alla quale esse avrebbero potuto essere formalmente giustificate. Egli giunge così all’importante conclusione che, in ambito sacrale, come in ambito civile, era allora in atto il processo di emersione di regole ancora oggi sancite nei nostri codici. In particolare, alludiamo a quella che dà per avverata la condizione non verificatasi per fatto imputabile al controinteressato.

Biografia dell'autore

Lorenzo Franchini svolge attività di ricerca all’Università Cattolica di Milano, nelle discipline giusromanistiche, e all’Istituto della Enciclopedia Italiana-Treccani, dove collabora alla Presidenza e all’Enciclopedia Giuridica. Tra i suoi scritti: La desuetudine delle XII tavole nell’età arcaica (Vita e Pensiero, Milano 2005), Osservazioni in merito alla lex Acilia de intercalando (2002), oltre a saggi in cui rivela il suo interesse per l’ermeneutica bettiana e l’idealismo gentiliano.

Chi ha visto questo prodotto ha guardato anche...


News

03.09.2019
Il filosofo della bontà, un Candide 2.0 in carne e ossa
Intervista al filosofo catalano Josep Maria Esquirol che spiega il suo cammino dell'ingenuità e la forza della bontà.
02.09.2019
Gauchet, La fine del dominio maschile
Anteprima del nuovo libro di Marcel Gauchet, "La fine del dominio maschile", un passaggio sulla scomparsa della figura del padre nella società e non solo.
31.10.2018
Il grande codice. Bibbia e letteratura
Un'anteprima tratta dal libro "Il grande codice. Bibbia e letteratura" di Northrop Frye, un grande classico del pensiero critico.
29.11.2019
Il capitalismo e il sacro
Mercoledì 11 dicembre a Milano presentazione del nuovo libro di Luigino Bruni con Corrado Passera e Marco Tarquinio.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Tutte le Collane