Il dilemma della cooperazione. Capitale sociale, sviluppo, frammentazione

Il dilemma della cooperazione

Il dilemma della cooperazione
Titolo Il dilemma della cooperazione
Sottotitolo Capitale sociale, sviluppo, frammentazione
autore
Argomenti Politica
Collana Relazioni internazionali e scienza politica. ASERI, 7
Formato Libro
Pagine 260
Pubblicazione 2004
ISBN 9788834311172
Scrivi un commento per questo prodotto
 
€ 20,00
Spedito in 3 giorni
All’origine del ‘dilemma’ della cooperazione vi è un paradosso. Quando non è possibile escludere alcun individuo dai benefici di un’azione collettiva, non partecipare, sperando nella buona volontà altrui, sembra rappresentare il corso di azione più vantaggioso per il singolo attore. Il risultato è che la cooperazione appassisce ancor prima di nascere, e il bene collettivo non viene raggiunto. Eppure, a dispetto del risultato teorico, diversi riscontri empirici mostrano che, anche in contesti debolmente normati, la tensione tra razionalità individuale ed efficienza sociale può essere risolta.
Come spiegare, dunque, l’apparire della cooperazione?
Partendo dal concetto di capitale sociale, inteso come l’insieme di aspettative generato da un’estesa partecipazione civica, e studiando il funzionamento di una specifica politica di sviluppo, il microcredito, in una regione dell’Etiopia, Luigi Curini mostra come la cooperazione sia un mondo di possibilità piuttosto che di necessità, in cui le prescrizioni universali vengono sostituite da più modesti suggerimenti, da sottoporre a costante e attenta verifica.
Le conclusioni lasciano spazio a un cauto ottimismo: il capitale sociale, o almeno quello di un ‘certo tipo’ (aperto e non chiuso), può fare la differenza, facilitando, anche in contesti frammentati, una diffusa cooperazione dal basso a supporto di traiettorie sostenibili di sviluppo. In tutto questo, lo spazio per la politica non perde centralità, diventa solo meno appariscente. Per promuovere in modo efficace l’azione collettiva e la cooperazione, la strada migliore non è trasferire o imporre soluzioni dall’esterno, ma facilitare (e quindi orientare) indirettamente l’auto organizzazione: «sviluppare e allenare delle aspettative di cooperazione (specie se aperte) richiede una palestra civica; in assenza di quest’ultima, anche le prime, fatalmente, si indeboliranno».

Biografia dell'autore

Luigi Curini è assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Studi sociali e politici dell’Università degli Studi di Milano. è autore di diversi saggi che applicano la teoria della scelta razionale allo studio della politica.

News

19.07.2022
Il rischio di voltarsi
Orfeo ed Euridice sul lettino dello psicanalista, con "Elogio del rischio" di Anne Dufourmantelle.
18.07.2022
La partita dei media, da Beckett a noi
Il teatro dell'assurdo di Beckett ci metteva in guardia contro i pericoli di una comunicazione inquinata. Cosa vuol dire fare un'ecologia dei media?
18.07.2022
Identità e padri di sabbia
Tra Kundera e Ternynck, in un mondo dove l'uomo ha perso le sue radici e la figura del padre vive una crisi d'identità.
01.08.2022
Giovanna Brambilla, l'affilata narratrice dell’Arte
Ritratto della storica dell'arte e divulgatrice, attraverso il nostro Questionario di Proust 2.0.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Pagine prime
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Scopri le altre Collane