Mauro Magatti L'infarto dell'economia mondiale

L'infarto dell'economia mondiale

L'infarto dell'economia mondiale
Titolo L'infarto dell'economia mondiale
autore
Argomenti Economia e statistica
Società, media, famiglia, lavoro Società
Economia
Collana Punti
Formato Libro
Pagine 100
Pubblicazione 2014
ISBN 9788834306628
Incipit Incipit PDF
Scrivi un commento per questo prodotto
 
€ 10,00
Spedito in 3 giorni

Wall Street, settembre 2008:  il fallimento della banca Lehman Brothers segna l’inizio della grande crisi, un infarto del cuore del sistema finanziario mondiale. Occorre allora cambiare le cattive pratiche comportamentali e rimettere in salute l'economia...

Quarta di copertina

Wall Street, settembre 2008: il fallimento della banca d’affari Lehman Brothers segna l’inizio della grande crisi che in questi anni ha causato tanta sofferenza. Si è trattato di un vero e proprio infarto del cuore del sistema finanziario mondiale. La metafora è semplice e immediata. Nella riflessione di Mauro Magatti, uno dei più importanti sociologi italiani, attento da sempre ai rapporti tra mondo economico e società, la figura dell’infarto diventa strumento efficace per capire la crisi e immaginare una prospettiva per il suo superamento.

Come l’infarto si cura in prima battuta con un farmaco salvavita per evitare la morte del paziente, così il collasso del sistema è stato evitato dall’immissione di liquidità da parte degli Stati: un intervento tampone, però, insufficiente a rimuovere le cause. Occorre invece, come nel caso del paziente infartuato, analizzare con lucidità le cattive pratiche comportamentali che hanno portato alla crisi, l’infernale congegno del capitalismo tecno-nichilista che riduce l’uomo a una sorta di ‘macchina desiderante’ mai appagata e mai felice, quel consumatore insaziabile che dovrebbe alimentare una crescita senza fine.

Se si vuole evitare lo schianto finale del sistema anche sotto il peso di un’ingestibile infelicità collettiva, vanno individuati, oltre a logiche economiche diverse, nuovi stili di vita, nuovi paradigmi mentali che permettano di recuperare quella relazione tra economia e società, tra efficacia tecnica e sviluppo umano, sistematicamente negata dalla fase che abbiamo alle spalle.

Biografia dell'autore

Mauro Magatti (1960), sociologo ed economista, è professore ordinario di Sociologia presso la Facoltà di Scienze politiche e sociali dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Tra i suoi libri più recenti: Libertà immaginaria. Le illusioni del capitalismo tecno-nichilista (2009), La grande contrazione. I fallimenti della libertà e le vie del suo riscatto (2012), Una nuova prosperità (2013, con Laura Gherardi), Generativi di tutto il mondo unitevi (2014, con Chiara Giaccardi).

Eco di Bergamo: "La politica rafforzi speranza e creatività"
pubblicato il: 25-06-2016
Anteprima su SkyTg24: La crisi iniziata nel 2008? “Un infarto dell’economia"
pubblicato il: 25-03-2014
Articoli che parlano di L'infarto dell'economia mondiale:
La crisi come infarto: Magatti in libreria VeP   (Eventi)
Il 9 aprile la Libreria Vita e Pensiero ospita la presentazione del libro di Mauro Magatti con Filippo Battaglia (Sky TG24) e Luigi Campiglio, docente di Politica Economica.
L'infarto dell'economia mondiale   (Novità)
La crisi come infarto: dal colpo al cuore dell'economia nel 2008 alle speranze per il domani, seguendo la cura del sociologo Magatti.

Wall Street, settembre 2008: il fallimento della banca d’affari Lehman Brothers segna l’inizio della grande crisi che in questi anni ha causato tanta sofferenza. Si è trattato di un vero e proprio infarto del cuore del sistema finanziario mondiale. La metafora è semplice e immediata. Nella riflessione di Mauro Magatti, uno dei più importanti sociologi italiani, attento da sempre ai rapporti tra mondo economico e società, la figura dell’infarto diventa strumento efficace per capire la crisi e immaginare una prospettiva per il suo superamento.

Come l’infarto si cura in prima battuta con un farmaco salvavita per evitare la morte del paziente, così il collasso del sistema è stato evitato dall’immissione di liquidità da parte degli Stati: un intervento tampone, però, insufficiente a rimuovere le cause. Occorre invece, come nel caso del paziente infartuato, analizzare con lucidità le cattive pratiche comportamentali che hanno portato alla crisi, l’infernale congegno del capitalismo tecno-nichilista che riduce l’uomo a una sorta di ‘macchina desiderante’ mai appagata e mai felice, quel consumatore insaziabile che dovrebbe alimentare una crescita senza fine.

Se si vuole evitare lo schianto finale del sistema anche sotto il peso di un’ingestibile infelicità collettiva, vanno individuati, oltre a logiche economiche diverse, nuovi stili di vita, nuovi paradigmi mentali che permettano di recuperare quella relazione tra economia e società, tra efficacia tecnica e sviluppo umano, sistematicamente negata dalla fase che abbiamo alle spalle.

Chi ha visto questo prodotto ha guardato anche...


News

14.01.2022
Donne, figli e lavoro: il nodo tutto italiano
Breve estratto dal libro "Crisi demografica. Politiche per un paese che ha smesso di crescere" di Alessandro Rosina dedicato alle donne.
11.01.2022
Leadership di cura: presentazione live
Mercoledì 19 gennaio ore 18.00 presentazione live di "Leadership di cura" di Valeria Cantoni Mamiani sui nostri canali Youtube e Facebook.
26.11.2021
Premio internazionale alla biografia di papa Gregorio IX
Alberto Spataro ha ricevuto il premio "Wissenschaftlichen Stauferpreise" con il volume "Velud fulgor meridianus".
07.01.2022
Smart working sì o no? Partiamo dai lavoratori
Intervista a Pesenti e Scansani, autori di "Smart Working Reloaded", per capire come trarre il meglio dal lavoro agile senza perdere umanità e diritti.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Pagine prime
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Scopri le altre Collane