Il tuo browser non supporta JavaScript!

Federico Borromeo e l'Ambrosiana

Federico Borromeo e l'Ambrosiana
titolo Federico Borromeo e l'Ambrosiana
sottotitolo Arte e Riforma cattolica nel XVII secolo a Milano
autore
argomenti Religione e spiritualità Storia religiosa
Storia Storia religiosa
collana Arti e Scritture, 9
formato Libro
pagine 476
pubblicazione 1997
ISBN 9788834326695
Scrivi un commento per questo prodotto
 
€ 36,15
Il 28 aprile 1618 Federico Borromeo donava la sua collezione di quadri, disegni, stampe e sculture alla costituenda Pinacoteca Ambrosiana. Riformatore ecclesiastico, autore di scritti sull’arte sacra, collezionista e protettore di pittori come Caravaggio e Jan Brueghel dei Velluti, il cardinale, arcivescovo di Milano, dava così forma al progetto dell’Ambrosiana, comprendente una biblioteca, un museo e un’accademia di belle arti che due anni dopo avrebbe aperto i battenti. Questa istituzione tripartita sarebbe stata preposta, nella diocesi, alla riforma della cultura religiosa e delle arti in conformità con i decreti del Concilio di Trento. Così, in un periodo complesso e tormentato come quello tra il Cinquecento e il Seicento, l’Ambrosiana appare non solo indicativa della pastorale borromaica – sintesi di spiritualità cristiana, cultura laica e impegno storico –, ma anche illuminante su aspetti talora trascurati del rapporto fra pensiero religioso e arte. È quanto emerge nello studio di Pamela M. Jones che, proprio attraverso il «caso Borromeo», suggerisce una rinnovata comprensione dell’età post- tridentina e del contributo offerto dai riformatori italiani allo sviluppo delle arti figurative. In contrasto con l’immagine di una teologia cupa e rigida, spesso associata a questo periodo, il programma di rinnovamento culturale promosso dal Borromeo e la sua concezione dell’arte sacra attestano infatti una spiritualità ottimistica, ben visibile nella scelta delle opere acquistate o commissionate per il Museo Ambrosiano. Tali le linee portanti di una ricerca rigorosa ma piana, condotta su fonti di prima mano – documenti, lettere, scritti di Borromeo sull’arte, sulla preghiera, sulla storia. Un’ampia appendice e un catalogo ragionato ripercorrono inoltre lo sviluppo cronologico del museo e i rapporti di Federico con artisti, agenti e mecenati. Come nella pastorale borromaica, dunque, spiritualità, cultura e concretezza storica, sono elementi inscindibili in questa lettura multidisciplinare di una delle istituzioni culturali più prestigiose d’Italia.

Biografia dell'autore

Pamela M. Jones è Assistant Professor di Storia dell’arte all’Università del Massachusetts, Boston. Specialista di arte barocca, l’autrice ha pubblicato articoli in vari periodici, tra i quali «The Art Bulletin», «The Burlington Magazine» e «Studies in the History of Art».

Chi ha visto questo prodotto ha guardato anche...


News

20.11.2020
Webinar: Lontani ma vicini, MigraREport 2020
Martedì 24 novembre presentazione del rapporto annuale sulle migrazioni a Brescia con Maddalena Colombo e Mariagrazia Santagati
05.11.2020
La propria vita/la vita
Anteprima di un capitolo del libro "Elogio del rischio" della filosofa e psicanalista Anne Dufourmantelle.
05.10.2020
I "Mostri favolosi" hanno trovato casa
Manguel ha donato la sua collezione di 40mila volumi alla città di Lisbona: un evento culturale straordinario come racconta nell'intervista...
19.11.2020
Bookcity 2020, un'edizione ricca di sorprese
La nona edizione di Bookcity si è svolta tutta in digitale e, anche se è mancato il contatto diretto con autori e lettori, è stata un'edizione sorprendente...

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Pagine prime
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Scopri le altre Collane