Il tuo browser non supporta JavaScript!

Sbarbaro e i tragici greci

Sbarbaro e i tragici greci
titolo Sbarbaro e i tragici greci
autore
argomenti Lingue e letterature Lingua e letteratura italiana
collana Ricerche. Letteratura italiana
formato Libro
pagine 480
pubblicazione 2005
ISBN 9788834311981
Scrivi un commento per questo prodotto
 
€ 38,00
Spedito in 3 giorni
In questo studio, Paolo Zoboli affronta un aspetto finora trascurato dalla ormai ricchissima bibliografia su Camillo Sbarbaro, oggi unanimemente riconosciuto come uno dei più importanti poeti italiani del Novecento. Servendosi di preziosi documenti inediti – tra gli altri, i carteggi con Lucia Rodocanachi, Valentino Bompiani e Vanni Scheiwiller –, Zoboli ricostruisce la storia dei rapporti di Sbarbaro con la cultura greca e, in particolare, quella delle versioni dai tragici compiute dal poeta tra il 1942 e il 1945: Antigone di Sofocle, Prometeo incatenato di Eschilo, Alcesti e Il Ciclope di Euripide.
Le quattro traduzioni, analizzate in ogni loro aspetto (filologico, linguistico, stilistico, formale) mediante l’attento riscontro con il testo greco e con le altre ‘fonti’ (edizioni critiche, commenti, traduzioni), sono situate nel contesto delle versioni novecentesche dai tragici e in quello dell’opera originale di Sbarbaro. Dello splendido Ciclope in versi (1944-1960), che il poeta volle sempre considerare non traduzione ma opera propria, viene fornita in appendice la prima edizione critica, anch’essa arricchita da numerosi documenti inediti.

Biografia dell'autore

Paolo Zoboli, dottore di ricerca in Italianistica, svolge la sua attività presso il Centro di ricerca «Letteratura e cultura dell’Italia unita» dell’Università Cattolica di Milano. Si è occupato prevalentemente di poesia ligure del Novecento (Sbarbaro, Montale, Caproni) e riserva un particolare interesse alla presenza dei classici antichi nel secolo scorso, alle intersezioni tra poesia e filosofia, alle questioni formali e metriche. Ha pubblicato La rinascita della tragedia. Le versioni dei tragici greci da D’Annunzio a Pasolini (Lecce 2004) e ha curato Lettere di crociera e Il libro dei frammenti di Ceccardo (Genova 1996 e 2003), Fuochi fatui di Sbarbaro (Milano 1997).

Chi ha visto questo prodotto ha guardato anche...


News

12.12.2019
Il sermone di Natale di Stevenson
Il 18 dicembre a Pavia incontro su "Sermone di Natale" di Stevenson per scoprire il lato più umano del 'Narratore di Storie' con Bendelli, Mottola, Grisi.
04.12.2019
Max Picard: il veggente della tecnocrazia
Chi era Max Picard? Ritratto di un intellettuale irregolare che ha previsto i pericoli della società tecnocratica e di una modernità in fuga dal divino.
03.09.2019
Il filosofo della bontà, un Candide 2.0 in carne e ossa
Intervista al filosofo catalano Josep Maria Esquirol che spiega il suo cammino dell'ingenuità e la forza della bontà.
02.09.2019
Gauchet, La fine del dominio maschile
Anteprima del nuovo libro di Marcel Gauchet, "La fine del dominio maschile", un passaggio sulla scomparsa della figura del padre nella società e non solo.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Tutte le Collane