L' equilibrio di potenza nelle relazioni internazionali. Metafore, miti, modelli

L' equilibrio di potenza nelle relazioni internazionali

L' equilibrio di potenza nelle relazioni internazionali
titolo L' equilibrio di potenza nelle relazioni internazionali
sottotitolo Metafore, miti, modelli
autore
argomenti Politica
collana Relazioni internazionali e scienza politica. ASERI, 29
formato Libro
pagine 364
pubblicazione 2009
ISBN 9788834316757
Scrivi un commento per questo prodotto
 
€ 25,00
Spedito in 3 giorni
Nello studio delle relazioni internazionali, l’equilibrio di potenza definisce quella particolare situazione di controbilanciamento che scatta in risposta a un tentativo di egemonia. Come concetto, ma anche come pratica politica, ha radici lontane. Molti ne ravvisano addirittura le prime tracce nelle relazioni esistenti tra le città-stato italiane nel XV-XVI secolo. Da allora si è affermata l’idea che, quando una grande potenza dà segni di puntare a dominare il sistema internazionale, le altre grandi potenze si alleano in modo da preservare la propria sicurezza creando un chiaro contrappeso nei confronti dell’aspirante egemone.
L’inglese Richard Little porta qui nuove e significative suggestioni a questo argomento che continua ad affascinare gli studiosi di relazioni internazionali, e lo fa con una limpida precisione analitica che rende il suo lavoro un punto fermo nella discussione attuale. Egli elabora un modello innovativo del concetto di equilibrio di potenza attraverso il quale riesamina quattro testi ‘classici’ che utilizzano questo concetto come chiave di comprensione teorica delle relazioni internazionali: Politica tra le nazioni (1948) di Hans J. Morgenthau, La società anarchica (1977) di Hedley Bull, Teoria della politica internazionale (1979) di Kenneth N. Waltz e La logica di potenza (2001) di John J. Mearsheimer. Il suo approccio a queste vere e proprie ‘icone’ della disciplina non solo consegue il risultato di una loro analisi approfondita e comparata, ma ottiene anche l’effetto di liberarle dall’immagine stereotipata che si era sedimentata negli anni e di consegnarle al dibattito attuale nuovamente vitali all’interno di un modello interpretativo più ampio ed elaborato.

Biografia dell'autore

Richard Little, uno dei massimi studiosi europei di relazioni internazionali, è professore di Politica internazionale presso l’Università di Bristol. Già presidente della British International Studies Association, è autore, con Barry Buzan, di International Systems in World History (2000).
Archivio storico
pubblicato il: 11-04-2014

Chi ha visto questo prodotto ha guardato anche...


News

07.09.2020
Melarete: l'etica a scuola
Il progetto di Luigina Mortari di educazione all'etica per la scuola dell'infanzia e la primaria con spunti teorici, suggerimenti pratici e le storie illustrate.
09.09.2020
Vicini alla scuola: i nostri consigli di lettura
Fino al 30 settembre tutti i libri delle collane di pedagogia ed educazione sono disponibili a un prezzo scontato: ecco alcuni consigli di lettura dedicati agli insegnanti.
29.07.2021
Federico di Chio e il sogno a occhi aperti del cinema
Intervista al docente di strategia dei media audiovisivi e dirigente Mediaset che ha studiato le influenze del cinema americano in Italia.
16.09.2021
Luigino Bruni a PordenoneLegge
Quale economia ci porterà questa crisi e quale spiritualità? A PordenoneLegge l'autore di "Il capitalismo e il sacro".

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Pagine prime
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Scopri le altre Collane

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento